vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Morte sospetta in ospedale: oggi i primi risultati dell'autopsia

Più informazioni su

VASTO. Morte sospetta in  ospedale. Oggi gli avvocati Carmine Di Risio e Giovanni Cerella ,i legali che rappresentanto la famiglia di T.E. un anziano morto all’improvviso il 23 dicembre scorso all’ospedale San Pio, si recheranno in procura per acquisire informazioni sui primi risultati dell’autopsia eseguita dal dottor Pietro Falco sul corpo del paziente deceduto. Il responso completo dell’accertamento pertitale sarà consegnato fra 60 giorni. In base ad esso la magistratura verificherà una eventuale colpa omissiva successiva all’ultimo esame clinico a cui il paziente è stato sottoposto poche ore prima di morire. L’avvocato Carmine di Risio ha  rimarcato la profonda prostrazione dei parenti del degente. ” T.E. era ricoverato ma non era grave. Aveva una persistente e fastidiosa febbre ma non sembrava un paziente in pericolo di vita”, afferma l’avvocato Di Risio. I medici hanno deciso di sottoporre il paziente ad una serie di accertamenti per individuare la cause di una possibile infezione che determinava lo stato febbrile. Il pensionato si è sottoposto di buon grado agli esami. L’ultimo accertamento è stato cardiologico. T.E. alla fine dell’esame non sembrava particolarmente debilitato.  Poche ore dopo la situazione è precipitata. Il tragico epilogo ha addolorato  i parenti del de cuius che non si rassegnano alla perdita del loro congiunto ed hanno presentato un esposto in procura . Al San Pio assicurano tuttavia che il paziente è stato adeguatamente assistito anche nella fase dell’emergenza. Due al momento i medici indagati. Certi di aver fatto tutto il possibile per salvare il ricoverato ,sono loro i primi a voler l’accertamento della verità da parte dell’autorità giudiziaria. 

paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su