vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La vastese Annapaola Sabatini candidata a sorpresa ?

Più informazioni su

VASTO. Nel gioco dei castelli di carte, quando se ne muove una, tutte le altre vanno appresso, ed è così che sta succedendo all’Udc abruzzese.
Lettere, dichiarazioni, viaggi a Roma, sgomitando per farsi largo in quelle che avevamo definito qualche giorno fa “primarie di segreteria”.

Il territorio, si dice in tante missive indirizzate ai vertici dell’Udc, reclama di poter scegliere senza imposizione. Quindi sicuramente no, da parte di tutti gli esponenti abruzzesi, a Ferdinando Adornato, ma sì ad un esponente abruzzese “chacun pour soi”.

Quindi per Antonio Menna ci vorrebbe un esponente della provincia di Chieti, quella che ha più voti in Abruzzo ma non un Presidente dimissionario senza l’autorizzazione del partito…

Per Di Giuseppantonio con le stesse motivazioni provinciali, un esponente esperto ed a fine mandato sia pur per dimissioni….

Per De Matteis un aquilano che difenda gli interessi della città del terremoto e che abbia già intrapreso con gli elettori un rapporto con buoni risultati, per esempio con una candidatura a sindaco nel capoluogo di Regione….

Ad ognuno, in buona sostanza, va bene un abruzzese purchè sia se stesso.

A scegliere sarà Roma, cioè esattamente il contrario di quello che sostengono coloro che vogliono che a decidere sia il territorio, e Roma potrebbe anche tirar fuori dal cilindro una sorpresa a metà tra il dirigente nazionale Adornato o un uomo del territorio, un dirigente nazionale, sia pur non di primo livello, ma che sia anche abruzzese.

A mettere tutti in fila sarebbe così Annapaola Sabatini, il cui nome in questi giorni resta piuttosto coperto, nel gossip preelettorale come spesso capita a chi poi la spunta.
Ogni ragionamento tuttavia, non deve tralasciare la possibilità Lucio Achille Gaspari come pure avevamo annunciato da queste colonne.

Questa bagarre è destinata a produrre malumori e desistenze con il risultato che il partito di Casini potrebbe perdere più di un consenso a favore degli altri corpuscoli del centro che oggi scalpitano per rimanere in vita e rendere ancora più ingarbugliata la situazione politica del nostro Paese.

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su