vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Lapenna "Appello ai candidati a non trascurare gli enti locali ed i comuni”.

Più informazioni su

VASTO. “I Comuni alla prova delle riforme, la spending review e la legge di stabilità”: è il tema del convegno promosso dal Comune di Vasto, con il patrocinio dell’Anci, che si è tenuto ieri pomeriggio nella Sala Pinacoteca di Palazzo D’Avalos a Vasto.
All’incontro hanno preso parte numerosi sindaci della Provincia di Chieti insieme con i  relatori Antonio Centi Presidente dell’Anci Abruzzo, Enrico Di Giuseppantonio Presidente della Provincia di Chieti, il Sindaco di Vasto Luciano Lapenna, ed il Sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio. “Vogliamo norme certe –ha detto il primo cittadino di Vasto, Luciano Lapenna- vogliamo norme chiare. Chi si trova a fare il sindaco oggi non verrà ricordato per le opere pubbliche. I Governi in questi anni hanno adottato una politica demagogica. Abbiamo ancora gli edifici scolastici non in linea. Per le spese e gli incarichi e consulenze abbiamo già tagliato il 60%. Inutile ribadire che i tagli per il 2013 non sono sostenibili. Abbiamo bisogno di nuove attenzioni, anche per procedere con nuove assunzioni. Il blocco delle assunzioni va rimosso”. Luciano Lapenna inoltre approfittando della presenza in sala di diversi candidati alla Camera dei Deputati ed al Senato lancia un appello al nuovo Parlamento. “L’Imu deve essere assegnata ai Comuni. Fate stabilire ai consigli comunali eventuali esenzioni. Altra preoccupazione è la nuova Tarsu. Chiedo al nuovo Parlamento –ha continuato Lapenna- di rinviare al 2014 la nuova Tarsu”. E non è mancato poi il riferimento ai Palazzi di Giustizia. “Per le spese di mantenimento da anni aspettiamo i rimborsi. Continuo a non capire perché –ha concluso il sindaco- queste spese gravitino nel patto di stabilità. Dateci tempo e soprattutto qualche soldo. A tutti i candidati l’appello a non trascurare gli enti locali ed a non trascurare i comuni”.

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su