vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Torna l'acqua. Restano i disagi e l'emergenza lavoro

Più informazioni su

 

SAN SALVO. L’acqua è tornata a sgorgare dai rubinetti di Piana Sant’Angelo e dalle fabbriche i cartelli di divieto sono stati sostituiti da altri cartelli che garantiscono la perfetta idoneità del flusso idrico all’uso umano. La Protezione civile che per quasi tre settimane ha garantito 500 pasti al giorno alle fabbriche ha sospeso l’attività. Al depuratore del Coniv arriva l’acqua prelevata a San Giovanni Lipioni che poi viene distribuita a Montenero di Bisaccia( CB), San Salvo marina, Piana Sant’Angelo e Vasto Marina (attraverso la Sasi). Proseguono anche le ricognizioni aeree della vallata attraversata dal fiume con un’attenzione particolare alla traversa di Pietra Fracida nel comune di Lentella. “Risolta l’emergenza resta alta la preoccupazione per il futuro di questa zona industriale” scrivono le Rsla delle fabbriche chiedendo alle istituzioni maggiore impegno e trasparenza. Il futuro della zona industriale di San Salvo sarà al centro anche di una riunione che tutte le Rsu aziendali hanno in programma nei prossimi giorni. Intanto Pilkington si prepara ad una lunga sosta. Il 24, 25 , 26 e 27 febbraio quasi tutta la fabbrica si ferma. Ai lavoratori saranno applicati i contratti di solidarietà. L’industria deve gestire 600 esuberi. Almeno per altri cinque mesi Pilkington procederà con il freno a mano. La crisi ha paralizzato sia l’edilizia che l’Automotive. La situazione economica del gruppo Nippon Sheet Glass (Nsg) non fa dormire sonni tranquilli. Fino alla prossima estate Pilkington sarà costretta a ricorrere a dosi massicce di ammortizzatori sociali. Resta l’unica medicina valida per salvare i livelli occupazionali. “Proprio perchè il periodo attraversato è drammatico è importante che le istituzioni abbiano maggiore attenzione su quest’area industriale. Acqua ma anche energia elettrica, servizi e strade sono necessari alle imprese per continuare a vivere”, insistono le Rsu.

paolacalvano@vastoweb.com

 

Più informazioni su