vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La crisi incombe. Calano i consumi e gli Iper riducono il personale

Più informazioni su

VASTO. La crisi economica costringe le famiglie a risparmiare. Calano i consumi e gli Iper riducono il personale. Questo il comunicato stampa della FILCAMS CGIL al termine dell’ultimo confronto con i dirigenti del gruppo CONAD LECLERC:   “In seguito alle aperture di procedura di Mobilità a norma della Legge 223/91 ,artt.4 e 24 , per un esubero quantificabile in Abruzzo di circa 79 dipendenti, siamo a comunicare che le OO SS hanno iniziato a discutere con Conad Adriatico presso l’Associazione dei Commercianti in Roma ,delle prime stime di effettiva necessità degli  esuberi.
Al primo incontro del 18/02/2013 la parte datoriale si è resa disponibile a rivedere i numeri dell’esubero, non solo per l’Abruzzo ma anche per le altre regioni coinvolte dal processo di ridimensionamento quali Molise e Puglia e su nostra richiesta si terranno nei prossimi giorni ulteriori incontri territoriali al fine di dirimere le effettive quantità degli esuberi, tenendo conto delle professionalità , le esigenze di servizio e quant’altro possa aiutare le parti a trovare soluzioni possibili a tutela dei posti di lavoro e reddituali  con l’utilizzo di ammortizzatori sociali.
Dalla procedura di mobilità saranno esclusi le figure apicali e le mansioni infungibili come ad esempio i dipendenti impegnati presso le parafarmacie.
La trattativa proseguirà il 28 febbraio ove a seguito del confronto territoriale  le OO SS cercheranno di ridimensionare  il numero , ostacolando    l’impresa nel far  pesare la crisi solo sul costo del lavoro , consapevoli che  la stessa crisi  coinvolge non solo Conad ma anche altri grandi marchi della  Grande Distribuzione.
Conad Vasto(Pianeta Srl), è di certo la più penalizzata sotto il profilo numerico:
Vasto   128 dip, 31 esuberi L’Aquila  130 dip. 16 esuberi Chieti  94 dip.   9 esuberi Lanciano       142 dip. 13 esuberi
Le trattative condotte fino ad oggi danno margini di contrattazione e possibili soluzioni, ma vi sono argomenti che per le OO SS cosi come per l’Azienda, sono particolarmente preoccupanti e sensibili come la flessibilità del lavoro o la sospensione e/o congelamento di alcune norme contrattuali economiche di rilievo”.
paolacalvano@vastoweb.com

 

Più informazioni su