vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Antonaci: "I miei ragazzi meritano più rispetto". Luciano: "Contento per come vanno le cose , ringrazio i compagni"

Più informazioni su

VASTO. Il Vasto Marina vince in trasferta contro il Montorio 88 e mette in cassaforte altri tre punti importantissimi in chiave salvezza. Qualcosa però infastidisce un pò il mister, Roberto Antonaci e lo staff della squadra. Viene sottolineato con un pizzico di rammarico come si tenda spesso a sminuire il loro lavoro in campo: “Roberto contentissimo per il risultato ma scontento per aver sentito dire, forse per l’ennesima volta, che la squadra ha vinto fortunosamente e dopo essersi solo difesa in campo. Vasto Marina che, invece, domenica ha avuto delle chiare occasioni da goal oltre la rete del vantaggio giusto?”. “Penso di essere obiettivo, perchè poi magari le immagini che vengono fatte vedere non sempre rispecchiano l’andamento della partita, non son veritiere. Domenica siamo andati sul campo di una squadra forte, terza in classifica, e abbiamo giocato a viso aperto. I primi 25 minuti abbiamo giocato nella metà campo avversaria.Loro hanno fatto un gioco con lancio lungo sulla punta che ‘spizzava’ per gli inserimenti, tutto qui. Poi è chiaro che nel corso della partita ci sono dei momenti in cui tieni in mano tu il pallino del gioco e altri che ce l’ha l’altra squadra. Non abbiamo sofferto più di tanto se non negli ultimi minuti. Mi rammarica aver sentito che noi non abbiamo fatto tiri in porta ed eravamo arroccati in difesa. Non mi sembra corretto sentire dire e leggere certe cose per i ragazzi perchè lavorano sodo durante la settimana e non dargli merito per quello che fanno, anzi facciamo, non mi sembra giusto.Tre tiri in porta li abbiamo fatti sicuramente se vogliamo essere precisi: uno ha parato il portiere su Rossi Finarelli, uno abbiamo preso la traversa con Nuzzaci su angolo di Fonseca e l’altro abbiamo trovato il goal con Fonseca stesso. Io non ho visto nè è stata trovata qualche immagine di parate del nostro portiere, Bruno. Se poi per occasioni si intende un tiro a trenta metri dal palo, dieci metri dalla traversa allora parliamo d’altro. A quel punto noi potremmo contare anche un tiro di Basso D’Onofrio ribattuto da un loro giocatore nell’area piccola e diretto in porta. Uno va lì a fare la propria partita. Siamo una squadra con obiettivi diversi dai loro, ci dobbiamo salvare e siamo andati lì a giocare a viso aperto, non di certo arroccati. Non siamo andati con dieci difensori e sette centrocampisti abbiamo schierato 4 difensori , tre centrocampisti, due esterni d’attacco e una punta di ruolo quindi assolutamente atteggiamento non difensivista. Ci può anche stare che verso la fine ci siamo chiusi un pò di più nella nostra metà campo cercando di sfruttare le ripartenze che è un nostro punto di forza. Ci siamo riusciti, sicuramente c’è stato anche un pizzico di fortuna ma non abbiamo rubato niente. La partita in cui non meritavamo l’intera posta in palio è stata quella contro il Pineto in cui abbiamo fatto goal su un episodio fortunoso e in cui però siamo comunque riusciti a mantenere il vantaggio con merito. Questa forse è l’unica partita in cui, ultimamente, non meritavamo i tre punti. Con il Francavilla c’è stato detto che avevamo quasi rubato una partita e non mi sembra. Con il Giulianova abbiamo perso però mai nessuno ha sottolineato che noi giochiamo sempre con 4, 5 anche 6 , a volte, fuoriquota e che i giuliesi hanno fatto due tiri in porta e due goal perchè c’è tanta qualità in quella squadra e quindi alle prime occasioni non perdonano, ma abbiamo avuto anche noi tre, quattro occasioni che non abbiamo finalizzato al meglio. E per occasioni intendo dirette nella porta non a venti metri o come già detto prima. E con il Capistrello anche in casa, loro son venuti chiusi in difesa davvero, chiusi per il pareggio nella propria metà campo, noi abbiamo avuto le nostre occasioni dirette a rete e abbiamo vinto. Ripeto è semplicemente uno sfogo perchè questi ragazzi non lo meritano. Alla fine interessano i punti e per me conta che abbiamo quei punti e che dobbiamo farne almeno altri 8, 9 prima possibile per stare tranquilli poi le chiacchiere trovano il tempo che trovano”. “Parlando della juniores invece. Lunedi vittoria per tre a uno. I ragazzi restano al secondo posto in classifica in piena corsa per il primo posto ancora”. “Anche di questi ragazzi si parla poco ma se andiamo a vedere alcuni sono gli stessi della prima squadra. Ci alleniamo tutti insieme e stiamo sempre insieme. Sono ragazzi che meritano, stanno facendo dei sacrifici, perchè alcuni giocano una doppia partita, la domenica con i grandi e il lunedi nella loro categoria. Ci sta andando bene, facendo i dovuti scongiuri, che nessuno si fa male. Siamo contati e direi che anche il secondo posto, se dovesse rimanere cosi alla fine, sarebbe un grande risultato”. “Luciano, detto Ninho (chiamato così perchè in spagnolo significa piccolo ndr). Grande soddisfazione per te giocare quest’ anno anche in prima squadra. Diversi i minuti in cui sei stato impiegato e nelle ultime prestazioni hai ben figurato dando un buon contributo”. “Contentissimo per come stanno andando le cose. Siamo un buon gruppo in cui i grandi ci aiutano. Un ringraziamento particolare, oltre al mister, lo devo a Marco Battista, perchè mi è stato molto vicino in un periodo delicato e mi sprona sempre in campo e fuori e poi anche al capitano Martelli. Alla fine però tutti ci fanno star bene e aiutano a crescere e integrarci al meglio. E’ un bene, sicuramente, potersi allenare con loro sempre e avere la possibilità di giocarci le nostre chance la domenica. E sono contento anche per come stanno andando le cose nel campionato juniores. Peccato per aver perso qualche punto per strada in partite che sulla carta sarebbero dovute essere abbordabili e trovarci quindi ora ad inseguire. Ma, sperando in un passo falso anche del Casalincontrada, proveremo a fare bene nelle partite che rimangono e conquistare la vetta della classifica. Quello che conta è che non molliamo e che proviamo a crescere sotto il profilo mentale oltre che fisico. Il Ninho è un soprannome che i compagni mi hanno dato da subito e mi è sempre piaciuto. Simpatico”. “Di Giorgio contento per come stanno andando le cose con questa juniores?”. “In queste ultime partite stiamo cercando di dare il massimo per provare a insediare la prima in classifica. Peccato aver perso punti in partite in cui avremmo dovuto vincere. Contento di potermi allenare con la prima squadra e di poter avere, magari, l’occasione di scendere in campo la domenica”. “Sappiamo che sei tifosissimo di una squadra romana” “Si sempre e comunque forza Lazio”.
tizianasmargiassi@vastoweb.com
 

Più informazioni su