vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Omicidio Paganelli: giudizio immediato per l'unico indagato

Più informazioni su

SAN SALVO. Omicidio Paganelli. Il processo a carico dell’unico indagato sarà celebrato a giugno. Vito Pagano, il giovane accusato di avere ucciso Albina Paganelli sarà giudicato con rito immediato. E’ quanto hanno stabilito i giudici del tribunale di Vasto. Gli avvocati Fiorenzo Cieri e Clementina De Virgilis, difensori dell’imputato, potrebbero richiedere il rito abbreviato. La decisione dei magistrati è stata presa subito dopo aver ricevuto dai periti le conclusioni dell’incidente probatorio che ha valutato positivamente le capacità cognitive del ragazzo la notte in cui avvenne il delitto. Sono tanti i cittadini che ancora oggi non riescono a credere che il ragazzo possa essere arrivato a compiere un gesto così grave. I difensori insistono sul fatto che quella notte la mente di Vito venne stravolta. Anche il perito della difesa, Vincenzo Vecchioni, ha dichiarato ai giudici che la notte dell’omicidio la percezione del reato venne contaminata dall’uso di stupefacenti. Diametralmente opposte le conclusioni dei periti della parte civile rappresentata dagli avvocati Antonello e Giovanni Cerella. La dottoressa Maria Cinabro e il collega Vittorio Sconci nella loro relazione hanno parlato di “iperbole di dolo”. L’indagato rischia la contestazione della premeditazione. Gli avvocati Cieri e De Virgilis si preparano a sostenere un processo difficilissimo. “Stiamo valutando se richiedere o meno il rito abbreviato”, dice l’avvocato Fiorenzo Cieri. Altro non vuole aggiungere. Dal momento che non ci sarà nessuna udienza davanti al Gup, il rito abbreviato appare la richiesta più probabile.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su