vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Individuato il presunto responsabile dell'omicidio di Michela Strever (fotogallery)

Più informazioni su

VASTO. Conferenza stampa, questa mattina nell’aula Magna del Tribunale di Vasto nel corso della quale il sostituto Procuratore Capo Francesco Prete ha comunicato che è stato individuato un cittadino di nazionalità marocchina, Hamid Maataoui, 36 anni, sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per l’omicidio di Michela Strever, la donna di 73 anni morta per soffocamento il 14 dicembre 2012. Un’agenda sulla quale era scritto il nome del marocchino, è stata preziosissima per poter risalire all’uomo. Hamid Toussin già conosciuto dalle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, è destinatario di un provvedimento di espulsione dal territorio italiano, viveva a Vasto dal 2007 fino a fine dicembre scorso e in qualche occasione aveva fatto piccoli lavori per Michela Strever.

“E’ stato difficile rintracciarlo-ha spiegato il sostituto procuratore Giancarlo Ciani- era a Barletta . Il trentaseienne è stato sottoposto ad interrogatorio nel corso del quale ha confermato ed ha raccontato le modalità del fatto”. Il dottor Ciani non ha voluto fornire altri particolari. Non ha spiegato il movente del delitto ed in che modo Maataoui sia riuscito a raggiungere l’abitazione della vittima, situata in una zona periferica della città. Resta ancora da capire tuttavia, gli inquirenti non dicono nulla a proposito, perché il marocchino pur conoscendo la vittima e sapendo che non disponeva di denaro in casa, abbia deciso di compiere la rapina. Le indagini sono ancora in corso e resta indagato anche il fratello della vittima. Attualmente Hamid Maataoui è detenuto nel carcere di Barletta, sarà il Gip di Trani a convalidare il fermo e poi sarà trasferito nel nostro territorio. 

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su