vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il presidente di Confindustria ai Comuni: "Sistemare i depuratori"

Più informazioni su

VASTO. Il Wwf sale sulle barricate e chiede di conoscere l’effettivo stato di salute dei fiumi del Vastese. Paolo Primavera, presidente di Confindustria va oltre. L’industriale scuote le istituzioni. “I Comuni non possono più tergiversare. Devono tutelare meglio i fiumi, provvedere a sistemare i propri depuratori e pretendere che i privati facciano altrettanto. La costa dei trabocchi in caso contrario rischia di divenire la costa delle cloache”.
Le notizie sulla non potabilità di alcuni tratti del Trigno resta il giallo irrisolto dell’inverno. “Eppure quell’acqua è controllata con maggiore attenzione perchè è destinata al consumo umano. Nel momento in cui è stato individuato un problema all’altezza di Lentella la Regione ha dichiarato lo stato di emergenza per tre mesi. Ma è altrettanto alta e puntuale l’attenzione delle autorità proposte sugli altri corsi d’acqua che sfociano in mare?”, chiede il presidente di Confindustria Paolo Primavera. “L’estate scorsa il tratto di mare antistante la bellissima spiaggia di Mottagrossa nella Riserva di Punta Aderci è stata interdetta alla balneazione per più di un mese a causa del cattivo funzionamento di un depuratore del ministero. La bella stagione sta tornando. Cosa fanno i Comuni della costa teatina per evitare nuove emergenze?”, chiede l’industriale. “A che punto è la manutenzione dei depuratori dei Comuni che si affacciano sull’Adriatico? Ritengo che la costa dei Trabocchi debba essere protetta in ogni modo a cominciare dalla verifica puntuale del funzionamento dei depuratori. Proprio come accade con le industrie”, chiosa l’esponente di Confindustria.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su