vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Delibera del Consiglio Comunale sul caso 'Ombrina Mare'

Più informazioni su

VASTO. Stamane il Consiglio Comunale, all’unanimità, ha votato la delibera su ombrina mare. La delibera:  “Il Conisglio Comunale PRESO ATTO Che le Commissioni Via e Vas hanno espresso parere positivo alla realizzazione del progetto Ombrina Mare 2 a circa 6 Km dalle coste abruzzesi e che tale provvedimento ha spianato la strada all’approvazione definitiva del progetto; Che il progetto prevede la realizzazione di un “centro oli galleggiante” per lo stoccaggio e la desolforazione sul posto del greggio estratto dai fondali marini con l’incenerimento di ben 200 tonnellate al giorno di materiale di scarto; Che esso avrà durata di almeno 24 anni e contempla anche 4-6 pozzi di estrazione di gas che sarà trasferito al campo esistente di Santo Stefano Mare attraverso 12 km di condutture adagiate sui fondali marini o interrate; CONSIDERATO Che una tale grave decisione avrebbe ripercussioni inimmaginabili sull’ambiente marino, costiero e persino sulla qualità dell’aria che respiriamo; Che il progetto Ombrina Mare 2 rischierebbe di mettere definitivamente in ginocchio l’intero sistema turistico abruzzese già pesantemente provato dalla crisi insistente; Che il progetto Ombrina 2 si appalesa come elemento funzionale all’interno della più ampia Strategia Energetica Nazionale recentemente licenziata dai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico; Che parallelamente le modifiche apportate dal Decreto Salva Italia contemplano norme per incentivi e percorsi autorizzatori; Che esso rischierebbe di vanificare anche il tentativo di rilancio del settore costiero dove si sta formando una Destination Management Company; Che la sua realizzazione sarebbe antitetica alla vocazione turistica e naturalistica della Costa teatina ed alla tutela delle numerose aree protette e Sic insistenti sul litorale; Che andrebbe certamente ad aggravare la pesante situazione delle marinerie abruzzesi giàalle prese con lunghi fermi biologici e la moria delle bivalvi; VISTO Che sarebbe minimo l’apporto energetico derivante da tali attività estrattive come ampiamente documentato; Che numerose sono le perplessità circa le metodologie di valutazione della compagnia Medoilgas, i cui dati, peraltro, non sono mai stati messi a disposizione degli studiosi; Che gravi sarebbero le conseguenze geologiche che potrebbero derivare da tale tipologia di attività in aree come quelle interessate dal progetto Ombrina Mare 2, secondo i report di due stimati studiosi quali il Prof. Francesco Stoppa (Direttore del Dip. Scienze della Terra Università G. d’Annunzio) e il Prof. Francesco Brozetti (Professore associato in Geologia Strutturale dello stesso Dipartimento teatino); EVIDENZIATO Che con proprie delibere n. 67 del 20 maggio 2010, n. 69 del 8 luglio 2011 e n. 94 del 18 dicembre 2012 ha già ripetutamente espresso la propria netta contrarietà ai diversi progetti petroliferi che minacciano l’intera costa abruzzese; Che il 7 dicembre 2012 l’Amministrazione Comunale con prot. n. 47866 ha prodotto osservazione avversa al progetto di coltivazione del giacimento di idrocarburi denominato Ombrina Mare ; Che la stessa Amministrazione provvedeva attivamente nella difesa del proprio territorio presentando apposito ricorso al TAR Lazio per contrastare il progetto Elsa della società Petroceltic previsto a 24 Km dalla Riserva di Punta Aderci; Che tale procedimento si concludeva positivamente con sentenza n. 08202/2012 REG. PROV.COLL. depositata il 1 ottobre 2012, che evidenziava tra l’altro il mancato coinvolgimento delle popolazioni locali. IMPEGNA L’Amministrazione Comunale a: 1) Sollecitare i parlamentari abruzzesi, i consiglieri regionali e provinciali del territorio per metter in campo iniziative che escludano permanentemente l’insediamento di nuovi impianti petroliferi nel mare abruzzese e, più in generale, in tutto l’Adriatico; 2) Sollecitare i parlamentari abruzzesi ad inserire nel programma del prossimo Governo l’immediata revisione della SEN. 3) Sollecitare la Regione Abruzzo a contrastare il progetto di Ombrina Mare non solo all’interno delle 12 miglia dalla costa ma anche oltre; 4) Coordinarsi con gli altri comuni costieri dell’Abruzzo del Molise e della Puglia e con le relative Regioni e Province allo scopo di promuovere azioni sinergiche finalizzate alla salvaguardia del medio e basso Adriatico; 5) Aderire alla manifestazione prevista per il 14 aprile proponendo anche Vasto come sede per lo svolgimento della stessa; 6) Organizzare un’assemblea cittadina che coinvolga cittadini, associazioni ambientaliste e di categoria, operatori turistici e della pesca”.   redazione@vastoweb.com

Più informazioni su