vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Fiaccola accesa in ricordo di Wojtyla a San Salvo. Commovente cerimonia (fotogallery Daccò)

Più informazioni su

Vasto. Sono passati 30 anni eppure il ricordo di quel giorno è ancora indelebile nella memoria di chi lo ha vissuto e sicuramente merita di essere ricordato degnamente ai giovani. E per questo che il sindaco Tiziana Magnacca e l’intera amministrazione comunale hanno deciso di ricordare la visita a San Salvo di Papa Wojtila con una solenne  cerimonia spalmata in tre giornate. Questa mattina accompagnate dal sottofondo musicale delle note dell’orchestra giovanile le autorità comunali hanno accesa la fiaccola in piazza Papa Giovanni XXIII. L’evento ha segnato l’inizio delle commemorazioni. Con l’accessione della fiaccola sul balcone del Municipio di San Salvo hanno avuto inizio questa mattina le manifestazioni, che dureranno tre giorni, per ricordare i trent’anni dalla visita di Giovanni Paolo II a San Salvo.
E’ stato il presidente del Consiglio comunale Eugenio Spadano a dare il benvenuto nell’aula consiliare dove si è svolto il primo appuntamento di questa lunga giornata che culminerà nel pomeriggio con il convegno sul lavoro nel salone delle conferenze della Pilkington.
Il sindaco Tiziana Magnacca ha scoperto una targa, che verrà collocata in Municipio, che recita: “L’Amministrazione Comunale a ricordo del trentennale della visita a San Salvo del beato Giovanni Paolo II che volle onorare questa terra nella giornata del lavoro”. Nel suo intervento il sindaco ha ribadito l’importanza di ricordare questo evento che non ha solo un valore storico ma anche e soprattutto simbolico. Giovanni Paolo II il 19 marzo 1983 benedisse i lavoratori e tutti i presenti evidenziando come fosse necessario essere consapevoli del fatto che San Salvo da bordo agricolo fosse diventato un punto di riferimento per settore industriale. La trasformazione dal dopo guerra da realtà povera a economia che ha dato benessere. “Il Papa – ha detto il sindaco di San Salvo – ha benedetto la nostra  comunità dando delle precise coordinate sullo sviluppo di questo territorio. Giovanni Paolo II una delle personalità che più di altre ha segnato il secolo scorso facendo determinare delle scelte che hanno cambiato il percorso della storia”.  Il sindaco di San Salvo ha evidenziato le difficoltà che si sta vivendo per il crisi del lavoro e sul valore del lavoro per l’essere umano. “Occorre dare speranze ai nostri giovani e voglio usare le stesse paure di Giovanni Paolo II,  l’uomo della speranza: non abbiate paura del domani, rimettiamoci in cammino per ripartire”. 
Nicola Argirò, presidente della Commissione industria del Consiglio regionale, ha portato la sua testimonianza diretta della visita del Papa nella zona industriale il cui incontro pubblico avvenne proprio davanti alla sua azienda.
Il sindaco ha ringraziato il Comitato organizzatore e in particolare il presidente della locale Pro Loco Nicolino Carrisi, la realizzatrice del logo Tiziana Pollutri, l’assessore comunale alla Cultura Giovannino Artese e Simone Vicoli che ha curato la parte preparatoria.
Gli studenti delle classi I, II e III D della scuola media Salvo D’Acquisto, composti da 50 elementi con sezioni di fiati, tastiere e percussioni, diretti dal prof. Fausto Esposito, hanno intervallato con l’esecuzioni di alcuni brani d’orchestra i vari interventi. Alle 16,30 a Piana Sant’Angelo i dirigenti dei colossi industriali e le autorità politiche si ritroveranno per parlare di lavoro alla Pilkington. Domani incontro con Joaquin Navarro Valls ex direttore della sala stampa vaticana e video testimonianza di monsignor Piero Santoro, vescovo di Avezzano.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su