vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Numerosi fedeli hanno preso parte alla processione della Sacra Spina

Più informazioni su

VASTO. In tanti ieri sera hanno preso parte alla solenne funzione religiosa ed alla processione della Sacra Spina, la reliquia della croce di Cristo conservata nella chiesa di Santa Maria Maggiore. 

La reliquia, contenuta entro una piccola piramide dai lati di cristallo poggia sopra una specie di anfora, della scuola del Cellini, e viene esposta in un tabernacolo di grande valore artistico. La “Sacra Spina” ha una storia antichissima legata alla nobile casata dei Principi d’Avalos, feudatari della città di Vasto, perché venne donata da Papa Pio IV al famoso Don Ferdinando D’Avalos Governatore di Milano e delegato al Concilio di Trento quale Ambasciatore del Re di Spagna Filippo II, e dopo fu, dall’erede Don Alfonso D’Avalos trasportata a Vasto e degnamente collocata nella Chiesa di Santa Maria Maggiore.

Alla miracolosità della Sacra Spina di Vasto è legato un episodio avvenuto il 14 giugno 1645, vigilia del Corpus Domini, quando si sviluppò un incendio nella Chiesa di Santa Maria Maggiore. Il fuoco aveva distrutto l’altare maggiore, il Coro, la Pisside, un Palio di grande valore, l’organo, il pulpito, i banchi e le travi del tetto. Le fiamme stavano estendendosi verso la nicchia che custodiva la Sacra Spina, quando uno schiavo turco, coraggiosamente si getta nel rogo, riesce a prendere l’ostensorio con la reliquia e torna miracolosamente salvo senza ferite. 

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su