vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Omicidio Strever, il giallo di via Villa De Nardis ad una svolta

Più informazioni su

VASTO. Omicidio Strever: lungo interrogatorio ieri per Antonio Strever il fratello di Michela, 78 anni, la donna uccisa il 19 dicembre da Hamid Maathaoui (reo confesso).
L’incubo per l’uomo sta per finire. Ne è convinto il difensore, Arnaldo Tascione. Strever è stato invitato a comparire ieri mattina davanti ai pm Enrica Medori e Giancarlo Ciani, i magistrati che indagano sull’efferato delitto di contrada Incoronata per chiarire alcuni particolari. 
Probabilmente è l’ultimo passaggio prima del proscioglimento dell’indagato. Solo qualche giorno fa i magistrati hanno ricevuto anche i risultati delle analisi compiute dai Ris di Roma sugli indumenti e gli oggetti sequestrati a casa della vittima la mattina dell’omicidio e sulle tracce di sangue trovate sul pavimento della casa di Michela. 
I risultati dei referti aggiungono altri particolari al racconto fatto da Hamid Maathaoui il marocchino che ha confessato il delitto. Altri ancora sono stati aggiunti da Strever. Michela Strever morì soffocata, ma la donna venne prima colpita selvaggiamente. 
I soccorritori trovarono la poveretta legata al letto con il cranio fracassato. Sono in tanti a pensare che Hamid abbia ucciso Michela Strever su commissione o per salvare qualche amico. Resta da chiarire perchè l’assassino si è accanito con tanta rabbia sul corpo dell’anziana.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su