vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Andrea Venosini sfida la crisi con il "Parco avventura"

Più informazioni su

CELENZA SUL TRIGNO. Celenza sul Trigno sfida la crisi e punta sulle bellezze naturali del territorio per attirare turismo. In località Vallone Caccavone sono cominciati da qualche giorno i lavori per la realizzazione a 646 metri sul livello del mare del “Parco avventura”. 
Il valore dell’investimento è di 160mila euro. Il contributo dei fondi Pit è di 102mila euro. Il Parco avventura simile a quello realizzato sulla Maiella nei pressi di Guardiagrele ha l’ambizione di far diventare la vallata una delle zone più gettonate dai turisti. Soprattutto quelli più temerari e che amano l’aria buona. Località Vallone Caccavone è un’area incontaminata e facilmente raggiungibile. Il Parco sorgerà a poca distanza dall’uscita della Fondovalle del Trigno. 
E’ vicino ad un sito di interesse comunitario. Una zona quindi adatta per portare forme di turismo innovativo. Grazie ai fondi Pit verranno realizzati nel vallone percorsi acrobatici in altezza con passaggi sospesi fra gli alberi. Un percorso ludico-sportivo che ogni visitatore potrà percorrere in autonomia mettendo alla prova il proprio equilibrio e provando l’emozione dell’avventura. 
L’offerta turistica è rivolta ad una tipologia di utenti che va dai 4 anni in su. I percorsi attentamente valutati dal sindaco Andrea Venosini si distingueranno per la difficoltà. Sono previsti quaranta linee aeree di giochi sospesi fra gli alberi, ponti, passerelle e tunnel. 
Il Comune spera di ultimare il Parco per fine giugno ,inizi di luglio. Contestualmente alle  nuove strutture sarà ristrutturato dove possibile l’esistente in legno e pietra. Gli amanti della natura potranno raggiungere il parco in mountan-bike  percorrendo piste ciclabili. Chi non ama le passerelle sospese potrà divertirsi a percorrere i sentieri tenendo i piedi ben piantati per terra. 
I più audaci invece potranno fare escursioni e arrampicate su roccia. Per la realizzazione del Parco viene utilizzata manodopera locale. All’ingresso è previsto un punto di accoglienza dei visitatori. L’amministrazione si occuperà presto anche dello staff addetto alla vigilanza e all’assistenza dei visitatori. L’obiettivo è riuscire a fare della parco un punto d’attrazione già dai prossimi mesi.
tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su