vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Calvitti: "Vincere il campionato primo passo per far tornare ad amare il calcio in città"

Più informazioni su

VASTO. La Vastese 1902 vince il campionato di Promozione girone B con due giornate di anticipo, festeggia in piazza e si prepara alla nuova partita di giovedì, il sentitissimo derby contro il Cupello. I ragazzi allenati da mister Di Santo onoreranno fino alla fine il campionato e son pronti a dare filo da torcere ai “cugini” che puntano alla seconda piazza. Uno dei protagonisti di questa stagione non in campo ma “dietro le quinte” è il bravo direttore sportivo, Alfonso Calvitti. 
“Finalmente domenica è arrivata la vittoria del campionato. E’ stata un’annata altalenante ma alla fine grande soddisfazione”. “Siamo partiti in ritardo, il 6 agosto, dalle ceneri della San Paolo. Eravamo in pochi come atleti e avevamo mille idee e ambizioni ma vincere a Vasto non è mai facile in nessuna categoria e campionato. C’era diffidenza in città e ancora ce n’è. L’importante era vincere e fare questo primo passo che ci permette anche di dare sicurezza alla gente che vuole bene al calcio in questa città”. “La forza è racchiusa nel gruppo. Un gruppo di ragazzi unito che ha lottato fino alla fine”. “Tutti ragazzi bravi che amano il calcio e hanno onorato dal primo all’ultimo minuto questa maglia. Anche chi è andato via era buono per la causa”. “Altra nota positiva la squadra juniores, guidata da Michele Stivaletta, partita senza grandi pretese e ora in lotta per la vittoria del campionato”. “Si, hanno fatto molto bene e ora potrebbero vincere il campionato. E’ stato molto importante anche l’apporto dei fuori quota in prima squadra e i mister se li sono gestiti in base alle esigenze”. “Le partite le hai seguite tutte stando sempre molto vicino ai ragazzi. Una soddisfazione personale grande?”. “Sicuramente, la Vastese 1902 è una nostra creatura, nata dal nulla, con poco tempo da un nostro progetto. Ammetto che abbiamo fatto degli errori però venali sempre in buona fede per cercare di arrivare alla vittoria del campionato”. “Ora è presto per parlare di futuro ma una cosa è certa: questa società cercherà di finire ancora meglio questa stagione e poi prepararsi alla prossima nel migliore dei modi”. “Onoriamo le ultime due partite. Adesso abbiamo giovedì in casa il Cupello e poi andremo a Val di Sangro e il mister valuterà anche le condizioni degli acciaccati e di chi, magari, ha fatto meno presenze, permettendo di avere visibilità anche a loro. Dopo non possiamo staccare la spina perchè avremo da giocare il Trofeo Mancini contro la vincente dell’altro girone, ovvero l’Avezzano. La location è da decidere insieme alla Lega o in campo neutro o in una delle due sedi”. “Vastese che si è anche distinta per delle iniziative la domenica e fuori dal campo, compreso il merchandising”. “Si, ci sono state diverse iniziative e abbiamo fatto di tutto per avvicinare i tifosi alla nostra squadra. Un in bocca al lupo va fatto anche agli altri sport, alla Bcc Vasto Basket che sta ben figurando e tra poco inizierà la fase play off ad esempio. Complimenti anche al Vasto Marina che ha raggiunto la salvezza e ha vinto lunedì il campionato juniores d’elitè. Non dovremmo avere mai rivalità perchè alla fine viaggiamo tutti sulla stessa barca sperando un giorno di tornare più uniti che mai in palcoscenici che più ci competono e prestigiosi. Speriamo che ci sia buon senso. Sarebbe bello poter fare anche un lavoro d’equipe sia nel calcio che negli altri sport e crescere così anche nel settore giovanile che possa comprendere tutto il circondario”. “Giovedì derby molto sentito contro il Cupello”. “Certo. Loro puntano ad arrivare secondi. Noi a consolidare quanto di buono abbiamo fatto, continuando anche la striscia positiva con mister Di Santo di dieci vittorie e un pareggio. Speriamo che il tempo ci assista e permetta a tanti di venirci a vedere e seguire. Ci sarà anche per l’occasione la “Giornata biancorossa” in cui non varranno gli abbonamenti. Speriamo davvero di poter vedere uno stadio pieno e festeggiare ancora lì all’Aragona con tutti i tifosi”.   tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su