vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

1° Forum sulla diversità agricola della Provincia di Chieti

Più informazioni su

CHIETI. 1° Forum sulla diversità agricola della Provincia di Chieti. Studenti, insegnanti, tecnici, esperti, produttori, amministratori pubblici e appassionati del settore insieme per lavorare in difesa del patrimonio della biodiversità agricola.
Ripensare lo sviluppo dell’Abruzzo in una notte. Inizia da Scerni il viaggio avventuroso intrapreso dall’associazione R.A.T.I. (Rete degli Abruzzesi per la promozione del Talento e della Innovazione) per la realizzazione della “Notte dei Ricercatori” in programma il 26 settembre 2014.  In quale continente saremo nel 2020? È la domanda alla quale gli attori di una costruenda partnership fatta di soggetti pubblici (Università, Istituti di ricerca, Scuole, Istituzioni) e privati (Aziende di ogni tipo e settore, Associazioni e rappresentanze professionali) cercheranno di dare risposte, con coraggio, reattività e curiosità. 
Il percorso verso l’appuntamento clou dell’ambizioso Progetto di Rati inizia il 3 maggio prossimo, presso lo storico e prestigioso Istituto tecnico agrario “COSIMO RIDOLFI” di Scerni, con il 1° FORUM SULLA DIVERSITÀ AGRICOLA DELLA PROVINCIA DI CHIETI.  Il programma è suddiviso in due diversi momenti di confronto: il mattino è riservato agli alunni dell’Istituto con i Laboratori tematici paralleli sulle nostre diversità e il Dialogo sulla diversità e sul futuro con Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food Biodiversità; al pomeriggio, si svolgerà il dibattito tra esperti nazionali, rappresentanti delle istituzioni, del mondo tecnico e scientifico e produttori sul come affrontare la sfida futura della diversità agricola. 
«Il patrimonio delle nostre tipicità ha tante facce – hanno spiegato in conferenza stampa gli organizzatori dell’evento – ci sono prodotti come tante varietà locali di frutta e ortaggi che stanno per scomparire e altri, come ad esempio alcuni vitigni autoctoni, che sono di gran moda e vendono bene. Tutti, però, hanno in comune la fragilità: sia il rischio di essere dimenticati sia quello opposto della massificazione sono portatori della stessa minaccia, l’estinzione. E dove c’è un territorio che perde una tipicità, c’è un territorio che si impoverisce». 
«Il Forum vuole proporre un’occasione per mettere a confronto sforzi individuali e settoriali, con l’obiettivo di farli convergere in un esercizio collettivo di riflessione e resilienza, un’opzione strategica per il territorio da affrontare con un’alleanza tra produttori, associazioni, istituzioni, scuola e mondo della ricerca attraverso il coinvolgimento di studenti e giovani ricercatori». 
«Il viaggio verso la Notte dei Ricercatori che inizierà a Scerni venerdì prossimo – conclude Di Fonzo – si svilupperà nel corso dei 18 mesi prossimi attraverso l’attivazione di borse di studio per laureandi e dottorandi, poli di curiosità presso le scuole medie superiori, per provare a ripensare lo sviluppo dell’Abruzzo in una notte». 
Il 1° Forum sulla Biodiversità agricola della provincia di Chieti è promosso da GAL Maiella Verde, Istituto Agrario “C. Ridolfi” e associazione Rati, in collaborazione con Slow Food Abruzzo e Molise, Legambiente Abruzzo, Cna, Coldiretti, Cia, Copagri e Confesercenti.  L’iniziativa è patrocinata da Assessorato regionale all’Agricoltura, Provincia di Chieti, Comune di Scerni e Camera di Commercio di Chieti. 
tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su