vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Dopo otto giorni di sciopero conclusa positivamente la vertenza Cler Sud

Più informazioni su

VASTO. Si è conclusa in modo positivo, per i lavoratori, la vertenza Cler Sud. Di seguito il comunicato diramato dal segretario provinciale della Fiom-Cgil, Davide Labbrozzi:    “In data odierna, dopo otto giorni di sciopero ad oltranza, si è conclusa positivamente la vertenza Cler Sud. 
Dopo così tanti giorni di sciopero, con presidio permanente dinanzi i cancelli dell’azienda che produce sedili per le più importanti case produttrici di locomotive e vagoni d’Europa, si è concluso lo scontro grazie ad un importante accordo raggiunto tra  Organizzazioni Sindacali,  RSU e  Direzione Aziendale.
Al centro della discussione, il recupero della contrattazione aziendale che era stata cancellata unilateralmente dal vertice dell’Azienda. La volontà della stessa di tagliare alcuni diritti dei lavoratori quali ad esempio, il buono pasto ed il  premio aziendale (premio pre – feriale), è stata fermamente respinta.
Ad oggi, dopo otto giorni di lotta, i lavoratori della Cler Sud tornano ad avere una condizione dignitosa e rispettosa dei sacrifici fatti e da fare; il nuovo accordo prevede: • un impegno concreto a discutere nelle prossime settimane del piano industriale di rilancio del sito di Atessa; • un salario variabile di Euro mille l’anno da elargire in estate; • un ticket mensa di Euro cinque con l’impegno a strutturare la mensa dei lavoratori; • l’innalzamento delle maggiorazioni ordinarie e notturne (rispetto a quanto previsto dal CCNL); • l’impegno scritto a garantire la futura ultrattività dell’impianto contrattuale (una volta scaduto).
  L’accordo raggiunto con la Direzione  Cler Sud  dimostra ancora una volta che non bisogna cedere ai ricatti ed alle dure prese di posizione che le imprese spesso assumono; la lotta paga ed ancora una volta ha pagato.  Dalla crisi si esce rafforzando i Diritti di coloro che lavorano e non indebolendo un quadro già precario. La crisi che attanaglia le aziende è innanzitutto economica, bisogna rafforzare chi in questo sistema permette all’economia di muoversi. Accettare i ricatti delle aziende che propongono la ricetta del taglio significa soffrire di miopia politica acuta. La Fiom continuerà a lottare così com’è accaduto in questi cento anni di storia affinché si possa difendere concretamente la gente che lavora ed il Sistema dei Diritti”.
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su