vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il Vastese invoca più severità con gli stranieri che commettono reati

Più informazioni su

VASTO. Saranno ascoltati nei prossimi giorni dal Gip i due fratelli albanesi assolti dall’accusa di favoreggiamento e subito dopo arrestati per evasione. Arlind e Arvid Spahija, 20 e 22 anni i fratelli albanesi a casa dei quali il 1 maggio scorso è stato catturato il connazionale Rubin Talaban, ricercato in tutta Italia per l’aggressione con l’acido all’avvocato Lucia Annibali di Urbino non avrebbero dovuto essere a San Salvo. 
In osservanza di ben due obblighi di dimora emessi dal Tribuale di Vasto 9 mesi fa, non potevano allontanarsi dal comune di residenza, Cupello. Per questo al termine del processo per direttissima per favoreggiamento, sono stati riportati a Torre Sinello per evasione. Il compito del loro avvocato, Domenica Pomponio, si complica.
“Quando hanno ospitato Rubin Talaban erano a San Salvo marina. In realtà avevano l’obbligo di dimora a Cupello”, fa notare il capitano dei carabinieri, Giancarlo Vitiello. Arlind e Arvid saranno sottoposti nei prossimi giorni ad un nuovo processo. Il suo difensore non sa ancora quando dal momento che non ha ancora ricevuto il fascicolo. In tanti tuttavia, prendendo spunto dalla vicenda hanno chiesto al Prefetto più severità e l’allontanamento dal territorio per gli stranieri che vengono condannati più volte.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su