vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

L'estate è alle porte. Duecento uomini diventano i nostri angeli custodi

Più informazioni su

VASTO. La Protezione civile dà vita ad una rete territoriale di soccorso volontario. L’associazione Arcobaleno di San Salvo insieme ai Cb di San Salvo, ai volontari dell’associazione Castello di Monteodorisio, il gruppo Madonna dell’Assunta di Casalbordino, la Provvidenza di Vasto, ma anche il gruppo comunale di San Buono e l’associazione Ascari di Santa Maria Imbaro da vita al grande gruppo di assistenza del territorio. E presto ci sarà anche Paglieta.
L’iniziativa è stata presentata ieri mattina nel capannone della Provvidenza a Punta Penna dal presidente dell’associazione Arcobaleno, Nicola Di Sciascio, presenti i rappresentanti dei Comuni di San Salvo, Casalbordino, San Buono, Santa Maria Imbaro e Paglieta. Grande assente Vasto. Ha voluto essere presente il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio e con lui l’assessore provinciale Donatello Di Prinzio e il consigliere regionale Nicola Argirò. Assente per impegni istituzionali l’onorevole del Pd Maria Amato ha inviato il suo “in bocca al lupo” ai volontari attraverso un telegramma. 
“L’obiettivo delle rete di volontari è quello di fornire una pronta risposta a chi è in difficoltà”, ha spiegato Di Sciascio. “Siamo già più di 200 confidiamo di essere presto molti di più”. La catena di volontari è dotata di ambulanze, idrovore, ponti radio, gruppi elettrogeni, mezzi di soccorso navali, tende e strumenti per affrontare le calamità. Fra i volontari ci sono molti medici e infermieri, ma anche poliziotti, ingegneri, radioamatori, cuochi e personale specializzato. Una task force pronta ad agire per qualsiasi evenienza su richiesta del 118 o delle forze dell’ordine. Ogni gruppo mette a disposizione uomini e mezzi”. Attraverso un tom tom radio ognuno di noi è pronto ad intervenire. Il motto è “Uniti per vincere”.  
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su