vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il consigliere Marcello dopo l'attacco all'amministrazione riconferma il suo sostegno

Più informazioni su

VASTO. Lunedì scorso, giorno in cui si è celebrato il consiglio comunale, avevamo dato notizia che avremmo pubblicato il testo integrale dell’intervento tenuto da Luigi Marcello, vice presidente del Consiglio Comunale, a nome del gruppo di Giustizia Sociale e, naturalmente, proprio.

Non abbiamo mai ricevuto, il testo dell’intervento, come promesso, ma a memoria ne ricordiamo la cruenta reprimenda nei confronti dell’amministrazione comunale, con passi che citavano la mancanza di programmazione per il futuro, l’inefficienza delle manutenzioni cittadine, la impresentabilità di Vasto Marina, l’assenza di azioni per sostenere il turismo e mille altre manchevolezze, l’assenza di bagni pubblici tanto utili soprattutto nella stagione estiva e mille altre manchevolezze fino a citare ad esempio, il fatto che i fiori e la manutenzione della Loggia Amblingh fossero a carico degli abitanti della zona.

L’ intervento poi sconfinava in ambito più ricco di pathos fino a denunciare la non vastesità del sindaco Lapenna che lo renderebbe, a dire di Marcello, e non del gruppo di Giustizia Sociale per impossibilità a farlo, incapace di amare e quindi di servire questa città come chi ha sangue vastese nelle vene.

A seguito di questo intervento il consigliere Marcello si era astenuto dal giudizio sul rendiconto di bilancio lasciando qualche perplessità a chi aveva ascoltato ed inteso l’intervento per altro da molti seguito in diretta streaming.

Di seguito pubblichiamo la nota che è stata letta dal consigliere Marcello questa mattina nel corso della conferenza stampa in cui sono state presentate le deleghe assegnate dal sindaco Lapenna.

In merito a quanto riferito dagli organi di stampa dopo il Consiglio comunale del 13 maggio 2013 il Vice Presidente del Consiglio Comunale Luigi Marcello intende precisare anche a nome del gruppo di Giustizia Sociale
A. Il suo intervento sopra le righe contro l’amministrazione comunale e il Sindaco, voleva avere lo scopo di riaprire una discussione costruttiva all’interno della maggioranza. Nessuna volontà di offendere tanto meno il Sindaco;
B. Giustizia Sociale nella discussione scaturita dalle richieste del gruppo socialista si è sentita esclusa dalla maggioranza nelle sue proposte e, pertanto, ha ritenuto, seppur in modo forte e irrituale, di criticare il modo così come si chiama la crisi;
C. Riconferma il sostegno pieno al Sindaco Luciano Lapenna e alla sua maggioranza tutta uscita vittoriosa nelle elezioni amministrative 2011;
D. Si impegna a portare avanti l’azione di governo ed a collaborare attivamente con tutte le altre forze della coalizione e con la sinistra, forza preziosa e fondamentale, così come sempre fatto, per il programma elettorale sottoscritto alla presentazione delle liste.

Il gruppo di Giustizia Sociale

In due giorni siamo passati da un attacco mortale ad un atto di sottomissione, che lascia sicuramente perplessi i vastesi e che non giova alla credibilità di chi ne è stato consapevole protagonista. E che induce alla certezza che il vero vincitore di questa battaglia sul rimpasto di giunta sia stato il sindaco Lapenna, campione certo non nella velocità ma nella paziente opera di sfiancamento degli avversari interni alla coalizione.

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su