vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Elda Di Tonto: "Campionato, Coppa Abruzzo e ora A2"

Più informazioni su

ORTONA. E’ stata una annata da incorniciare quella dell’A.S.D. Atletico Ortona femminile. Non solo la vittoria del campionato 2012-2013 ma anche la Coppa Abruzzo. Le ragazze che si allenavano tra Cucullo e Ortona hanno sconfitto temibilissime avversarie come l’Hatria, la Pro Vasto e la Memy Team Giulianova. Non può che esserne soddisfatta e fiera la presidentessa Elda Di Tonto:
“E’ stata una gran bella stagione ricca di soddisfazioni. Siamo state protagoniste sia in campionato che in coppa. Ad inizio stagione ci eravamo prefissate questi obiettivi sapendo di avere un organico tecnico e sotto il settore organizzativo molto valido. CI sono stati purtroppo problemi dirigenziali che in corso d’opera hanno portato al cambiamento nella guida tecnica, tuttavia questa scelta ha dato nuovo entusiasmo alle ragazze e noi dirigenti spronati per portare avanti questo movimento del calcio femminile molto spesso poco citato e poco pubblicizzato. Il nostro scopo in questa stagione era quello di cercare di far conoscere e far crescere il calcio femminile sia a livello regionale che nazionale. Ci siamo impegnati a mettere a disposizione del Comitato Regionale Abruzzese sei nostre atlete, Di Martino Chiara, Cicala Giovanna, Savini Domiziana, Pasqualone Simona, Primi Benedetta e Zulli Lorenza, che hanno partecipato alla rappresentativa femminile con location la Sardegna. Gli ottimi risultati conseguiti in questa stagione sono il frutto e merito inanzitutto delle ragazze che si sono impegnate dal primo all’ultimo giorno con professionalità e voglia, creando un gruppo unito, brave a sapere gioire per le vittorie conseguite e soprattutto a riuscire a rialzarsi dopo la sconfitta. Un ringraziamento particolare va a tutti i nostri dirigenti, mister Mario Di Giovannii (entrato in sostituzione di Lotti Vienna dalla IV giornata di andata ndr.), Cicala Salvatore allenatore dei portieri e tutto fare, Guerra Giulia medico sociale e dottoressa in Ortopedia, Marco fisioterapista, Corvacchiola Nicla commercialista, La Rizza Vincenzo avvocato e tutti i genitori della atlete che ci hanno sostenuto e supportato per tutto il campionato. Di emozioni ce ne sono state tante e si possono raccogliere tutte nell’abbraccio di tutte le ragazze alla fine dell’ultima gara di Coppa Abruzzo vinta. Un abbraccio unico e sincero tra calciatrici e dirigenti. Certo soddisfazione personale è stata quella di essere riuscita ad arrivare a tagliare il traguardo sperato, nonostante l’invidia di tanta e purtroppo tanta gente che pur essendo all’interno della società aveva voglia solamente di distruggere e rovinare un ambiente ed un gruppo sano. Alcuni collaboratori si sono tirati indietro a campionato già iniziato, mentre per quanto riguarda le atlete abbiamo rinforzato la rosa con nuovi elementi molto giovani necessari per il proseguo delle attività. Siamo riusciti ad andare avanti anche soli con maggiore soddisfazioni. Il nostro sforzo è stato finalizzato esclusivamente per il benessere delle ragazze e mai per scopi personali. Una citazione importante per tutte le ragazze. Abbiamo avuto delle riconferme molto importanti in primis sicuramente il nostro portiere la grande Pavan che quest’anno ha festeggiato con noi il traguardo dei 50 anni sempre giovane e scattante, grande merito è suo se siamo arrivate fino a questo punto. Abbiamo avuto il miglior attacco, il capocannoniere Zulli Lorena, la migliore difesa grazie soprattutto al portiere. Tutte meriterebbero una citazione sia quelle che hanno giocato che per le colleghe messe a disposizione e pronte ad entrare a cara in corso”. 
“C’è una partita ed un goal che l’hanno emozionata in modo particolare?”. “Tutte le partite sono state importanti e hanno costruito mattone dopo mattone la vittoria finale. Certo ci sono state delle partite vissute al cardiopalma che ci hanno visto sia vincere che perdere. Sicuramente le gare più belle sono state la vittoria scaturita per 7 a 1 contro il Giulianova, nostra antagonista per la vittoria finale, che ha esaltato tutto l’ambiente e tutti i tifosi intervenuti a vedere la gara. Altra è stata la sconfitta subita nella gara di ritorno a Vasto, gara che è servita alla squadra per capire gli errori e sapersi ricompattare tutti insieme. Una delle azioni più belle forse è stata quella che ah portato il secondo goal contro il Giulianova nella finale di Coppa Abruzzo dove con tre tocchi (passaggio di Torosantucci sulla fascia per Litro che corre sul fondo, crossa al centro e D’Annibballe di testa insacca ndr.) si è arrivati a buttarla dentro. Quella è stata una sintesi del bel gioco organizzato messo a punto nel corso della stagione”. 
“Traguardo della A2 raggiunto. Spesso però le società che vincono il campionato poi sono costrette ad abbandonare l’idea dell’iscrizione per problemi il più delle volte economici viste le spese per le trasferte e generali che raddoppiano. L’Ortona?”. “Il traguardo della serie A2 lo abbiamo raggiunto. Siamo intenzionati ad iscriverci al campionato nazionale in quanto era un obbiettivo importante da centrare e lo avevamo promesso alle calciatrici. Certo i problemi economici non mancano, siamo alla ricerca di sponsor che possano supportarci in questa nuova avventura ed esperienza. Ci vogliamo provare e non solo come matricola per fare numero, ma se possibile come squadra protagonista del torneo. L’organizzazione di tutto il campionato è molto importante. Abbiamo già messo le basi per poter gestire tutte le eventuali trasferte, sarà sicuramente faticoso viaggiare in giro per l’Italia ma lo faremo volentieri, porteremo alta la bandiera di Ortona e dell’Abruzzo. Il nostro organico è sicuramente da rinforzare per essere ancora più competitivo. La squadra è buona. Ci sono fondamentali giusti, abbiamo ragazze in vari reparti che sono già pronte per fare la serie A (Zulli, Litro, Stivaletta, Giuliani, D’Annibballe per citarne alcune. Altre che stanno crescendo come Andreacola, Frani e PAsqualone. Certo tutte devono migliorare per il salto di qualità. Ci stiamo muovendo in tal senso. I nostri dirigenti hanno già contattato alcune ragazze, le quali pare siano disposte a far parte della nostra rosa e a cui è piaciuto il nostro programma di crescita sportiva. Programma che verteva sulle ragazze. La serie A2 comporterà sicuramente dei sacrifici in termini di tempo e allenamenti, in questo cercheremo di farci trovare pronti. E’ sicuramente importante promuovere il calcio femminile in modo da farsi notare anche in Nazionale. Non è detto che le ragazze del nord siano più brave delle nostre. E’ diversa la cultura, lì si investe di più in questi progetti e sarebbe ora che anche gli imprenditori locali investissero qui, con strutture adeguate, poli di allenamento, incontri tra società, come si fa per il settore maschile. Noi ci stiamo provando tra mille difficoltà, nel nostro piccolo cerchiamo di farci notare. Abbiamo iniziato a livello regionale e tutte le squadre che abbiamo incontrato sono rimaste colpite. Continuiamo così. Siamo in continuo contatto con le autorità comunali di Ortona. Quest’anno abbiamo giocato sul campo in erba naturale. I referenti comunali ci hanno garantito che si realizzerà anche il terreno in erba sintetica per permettere un regolare svolgimento delle gare. Noi ce lo auguriamo perchè è qui ad Ortona che vogliamo continuare questa avventure. E’ prevista una festa in Comune con date ancora da definire. Una giusta gratificazione per gli sforzi fatti sia per noi che per il Comune”.  
tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su