vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Prospero e Soria assolti. Mai chiesto voti in cambio di favori

Più informazioni su

VASTO. Assolti perchè il fatto non sussiste. E’ stata la stessa pubblica accusa questa mattina a chiedere l’assoluzione del consigliere regionale Antonio Prospero e dell’ex assessore alla polizia municipale di Vasto, Nicola Soria. I due esponenti politici erano accusati di concussione e peculato: nel 2005 avrebbero esercitato pressioni su alcuni elettori promettendo favori in cambio di voti.  
Secondo la Procura dell’epoca i due politici avrebbero annullato multe, concesso autorizzazioni di suolo pubblico, licenze commerciali e promesso posti di lavoro in cambio di voti. Accuse che gli avvocati Giovanni Cerella e Arnaldo Tascione hanno sempre dichiarato “insussistenti”. Il processo iniziato il 6 marzo 2012 si è concluso oggi con l’assoluzione dei due illustri indagati. Sia Prospero che Soria hanno sempre parlato di equivoco e di cattiva interpretazione di alcune frasi captate dalle intercettazioni telefoniche esprimendo amarezza per quanto capitato. Oggi la richiesta di assoluzione fatta dal pm Giancarlo Ciani e accolta del collegio giudicante li ripaga almeno in parte.
Grande la soddisfazione di Nicola Soria, attuale amministratore dell’Arpa: “Ringrazio gli avvocati Tascione e Cerella che sono riusciti a dimostrare l’infondatezza di accuse gravissime che hanno danneggiato e non poco la mia immagine e quella del consigliere regionale Prospero”. 
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su