vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Omicidio di via Anghella: le vittime uccise con 111 coltellate

Più informazioni su

VASTO. Sono stati uccisi con 111 coltellate Adele Tumini, 68 anni e il marito Emidio Del Vecchio, 72. E’ quanto emerge dai risultati degli esami autoptici depositati in Procura dal perito, l’anatomo patologo Pietro Falco. L’assassino ha prima ucciso il settantaduenne con 39 coltellate. Quasi il doppio le coltellate che hanno massacrato il corpo della povera Adele. Il perito ha contato settantadue fendenti. Non contento l’assassino ha legato attorno al collo della poveretta un cappio e le ha infilato la testa in una bacinella.
Ad essere accusato dei due omicidi è il figlio delle vittime, Marco Del Vecchio, 38 anni.  L’uomo in carcere da sei mesi nega di essere l’autore del duplice omicidio e chiede di tornare in libertà. Le indagini sull’omicidio sono state prorogate di 90 giorni. In mancanza di una confessione è evidente che assumono una importanza fondamentale i risultati del Dna delle tracce di sangue rilevate con il “luminol” sul pavimento lavato dall’assassino dopo il delitto.
 Altrettanto importati sono gli esami dattiloscopici. Se le impronte digitali trovate sui coltelli e sullo spazzolone usato dall’assassino per ripulire la scena del delitto dovessero appartenere a Marco, l’indagato non ha scampo e rischia l’ergastolo. I risultati dovrebbero arrivare a giorni facendo chiarezza su uno degli omicidi più efferati della regione
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su