vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Parco Fortunato,degrado i residenti chiedono l'intervento

Più informazioni su

VASTO. La competenza dei  circa quattrocento appartamenti realizzati alcuni anni fa  a pochi passi dalla statale 16, da qualche tempo sono passati dall’impresa costruttrice  al comune di Vasto che –denunciano i residenti- non ottempera ai più elementari obblighi come la pulizia. “Visitando l’area del parco salta immediatamente all’occhio l’incuria degli impianti sportivi. Due campi da tennis, uno per la pallavolo e l’area dei giochi per i bambini.

Erbacce, prato secco, cestini pieni di rifiuti che nessuno svuota, cartacce per terra e come se non bastasse un grosso buco nella rete per accedere nel campo da tennis il cui cancello è chiuso. “Siamo costretti a tollerare–spiega Alfredo Graziano di Foggia, che in estate vive nel Parco Fortunato- gli schiamazzi di chi viene a giocare a tennis, alle 7.00 del mattino o nel primo pomeriggio, quando molti riposano. Il comune non si interessa di ripulire la zona o di darla in gestione a qualcuno.

Ho denunciato il fatto a palazzo di città ed il geometra Ignazio Rullo-ha aggiunto Graziano- mi ha risposto che il parco Fortunato è la penultima priorità del Comune di Vasto. Vorrei sapere allora –continua il residente- qual’ è l’ultima priorità. Non credo che la sicurezza dei cittadini possa essere la penultima priorità degli amministratori. Molti di noi rischiano la vita per andare a buttare il pattume. I cassonetti per i rifiuti sono collocati sulla statale e le auto sfrecciando a tutta velocità molto spesso hanno rischiato di investire i residenti.

Abbiamo chiesto di collocare i bidoni all’interno del parco, ma prima bisognerebbe spostare una struttura in legno utilizzata come ufficio vendite. I mezzi della Pulchra non riuscirebbero a passare.

Ci piacerebbe sapere –continua Graziano- che fine ha fatto il progetto del cavalcavia di cui si è tanto parlato e che avrebbe dovuto garantire un passaggio sicuro ai pedoni per raggiungere la spiaggia e quello delle tre rotatorie da realizzare da Memmo alla stazione Vasto-San Salvo per migliorare il traffico veicolare”.

Sarebbe interessante sapere inoltre se la concessione a costruire la palazzina a ridosso della linea ferroviaria sia stata rilasciata in cambio dell’installazione delle bande antirumore.

Paola D’Adamo  paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su