vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Kart: Schumacher, Verstappen, Piquet pronti a tifare per i figli

Più informazioni su

ORTONA. Loro sono i più ricercati per autografi e scatti fotografici, interviste e curiosità, ma i figli saranno i veri protagonisti del campionato europeo di kart in programma da oggi al Circuito internazionale d’Abruzzo. Michael Schumacher, Nelson Piquet, Jos Verstappen sono in città da giorni da semplici spettatori per incoraggiare i loro ragazzi durante le prove di qualifica che si disputeranno oggi. Gara che, sotto l’egida Cik Fia, varrà per l’assegnazione dei titoli nelle categorie Kf, Kf junior e Academy. 
Mercoledì e Giovedì i giovani piloti si sono cimentati nelle libere arrivando a sfrecciare a velocità di 140/150 km orari con i kart con motore a due tempi. Domenica è previsto il gran finale con gara su pista lunga 1.600 metri circa che durerà tutta la giornata. Oltre ad i figli d’arte, Mick Betsch (figlio di Schumacher che usa il cognome della mamma), Max Verstappen, Pedro Piquet sono arrivati oltre 500 addetti ai lavori a Villa Torre di Ortona. Il pieno per quel che riguarda il gotha del mondo dei kart. 
“Il Cirucito d’Abruzzo è uno dei più belli e funzionali per la categoria” ha affermato nel corso di una intervista al quotidiano Il Centro, Nelson Piquet “Ho sette figli di cui due donne. Pedro corre con i kart ed è qui spero per fare bene ma anche gli altri gravitano nel mondo dei motori. Seguo ancora la Formula Uno. La differenza oggi la fanno le tecnologie e spesso le scuderie. Non basta essere un bravo pilota. Lui deve pensare a guidare e non sbagliare al volante. Ma importante è come viene preparata e sviluppata la macchina. A me personalmente manca l’Italia. Qui si vive bene, si mangia meglio e ci sono anche bellissime donne”. 
In questi giorni sono stati tantissimi i visitatori e nel fine settimana è previsto il pienone, si potrebbero toccare le 3.000 presenze. Oggi e domani giornate di qualifiche, domenica la gara vera e propria. Non resta che vedere chi vincerà, magari proprio uno dei figli dei tre grandi ex piloti di Formula Uno.  Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su