vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Presunti abusi sessuali sulla figlia: assolto per prescrizione del reato

Più informazioni su

SAN SALVO. Da 13 anni la vicenda divide San Salvo in due, da una parte gli innocentisti, dall’altra i colpevolisti. Dal punto di vista giudiziario la storia tuttavia è finita. A mettere la parola fine alla vicenda è stata la sentenza della Corte d’appello de L’Aquila che ha prosciolto l’imputato per prescrizione del reato. Il protagonista, un uomo di mezza età difeso dall’avvocato Raffaele Giacomucci, è finito a giudizio con l’accusa di avere abusato sessualmente della figlia che all’epoca dei fatti aveva dieci anni. Due anni fa in primo grado il Tribunale di Vasto lo aveva condannato a 5 anni e 2 mesi di reclusione, sei mesi per ogni anno d’età della figlia. 
Lei oggi è una bella ragazza, all’apparenza serena. La sua storia, una lunga e travagliata querelle giudiziaria è iniziata nel 2000. Aveva solo dieci anni la vittima quando riuscì a trovare le parole per raccontare alla mamma lo strano comportamento di papà. La donna presentò subito una denuncia, ma dopo qualche mese davanti all’incertezza della bambina tornò a credere nell’innocenza del marito e ritirò la querela. Il caso sembrava destinato all’archiviazione. I Servizi sociali tuttavia decisero ugualmente di affidare la piccola ad una Casa famiglia. E proprio li parlando del più e del meno con la psicologa, la ragazzina raccontò nuovamente la brutta storia descrivendo il proprio malessere per quelle attenzioni del papà. L’uomo venne denunciato una seconda volta. Dopo anni di perizie e interrogatori a febbraio 2010 l’imputato venne condannato a 5 anni e 2 mesi. Due giorni fa è arrivata l’assoluzione. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su