vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Assalto al portavalori: restano in carcere i due abruzzesi coinvolti

Più informazioni su

VASTO. Il giudice del tribunale di Vasto, Anna Rosa Capuozzo da accordo con i pm Giancarlo Ciani ed Enrica Medori ha rigettato la richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati Giovanni e Antonello Cerella, legali di S.D.G., 32 anni e C.S., 41 anni. 
I due abruzzesi coinvolti nell’assalto al portavalori sulla A14 restano in carcere anche se nessuno dei due prese parte fisicamente alla rapina. Per i giudici fornirono un supporto notevole mettendo a disposizione della banda la base logistica. Devono quindi rispondere di tutti i reati contestati agli uomini che fecero parte del gruppo armato che compì l’assalto al blindato: rapina, concorso in tentato omicidio, porto abusivo di armi da guerra, incendio doloso oltre che favoreggiamento. 
La posizione dei magistrati vastesi si uniforma ad una recente sentenza emessa dalla Corte Costituzionale. La decisione non trova affatto d’accordo i legali della difesa che annunciano appello al Tribunale del Riesame. “I nostri assistiti sono colpevoli solo di favoreggiamento”, insistono i difensori. 
La rapina fruttò 600 mila euro. Su 19 indagati (quasi tutti pugliesi) in base ai riscontri scientifici del reparto investigativo dei carabinieri di Tor Vergata, gli esecutori materiali del raid armato furono una decina. Le indagini sono state eseguite in parte dai carabinieri, in parte dal servizio centrale della polizia (Sco) di Roma. I Ris hanno stabilito che non ci sono tracce ematiche nè saliva di S.D.G.e C.S. sul materiale sequestrato dopo la rapina. Il loro supporto tuttavia avrebbe permesso alla gang di agire e per questo devono restare in carcere. 
S.D.G venne arrestato poche ore dopo la rapina grazie alla collaborazione dei cittadini. I carabinieri recuperarono un fucile e 30mila euro. Due giorni dopo scattarono altri arresti. L’ultimo a finire in manette il 3 luglio scorso è stato A.P., 40 anni di Cerignola. Le indagini proseguono alla ricerca di ulteriori elementi. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su