vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Francesco Paolo Molino: "Piazza Rossetti, scavo senza tabella, palo senza stemma"

Più informazioni su

VASTO. Protesta di Francesco Paolo Molino in qualità di presidente e fondatore dell’associazione culturale “Castello” e della “Associazione sportiva e culturale per la difesa del territorio Marcus Baebius”. Tra l’altro, anche “custode onorario di Piazza Rossetti”.
Molino ha sollecitato vari organi di competenza – tra cui anche alcuni Dirigenti del Comune – a sistemare una legenda vicino lo scavo di piazza Rossetti. Una tabella per spiegare la storia dell’anfiteatro romano “sepolto” sotto la piazza. Ma gli interpellati non hanno mostrato interesse.
“I passanti e i turisti mi chiedono informazioni sulla “tomba” – dice  Molino –  ed io rispondo che lì fino al secolo scorso c’era la fontana dell’acquedotto romano delle Luci che portava acqua all’anfiteatro dove avvenivano le battaglie navali. Infatti non c’è nessuna indicazione che spieghi che si tratta di un muro romano dell’anfiteatro nascosto sotto piazza Rossetti”. Per dare spiegazioni precise Molino porta sempre con sé una cartella piena di stampe – fatte a sue spese – che riproducono la pianta dell’anfiteatro romano (anche coinfantasiosa ricostruzione della struttura sepolta sotto la piazza). “Uno di tanti visitatori – continua FP Molino – mi ha riferito che al suo paese attraverso il georadar sono riusciti a scoprire com’era fatto un pezzo di città romana sotterranea, non si potrebbe fare anche a Vasto?”.
Francesco P. Molino ha anche un altro cruccio. E racconta la storia dello stemma romano in cima ai due pali di piazza Rossetti. “Qualche anno fa – dice – il palo a destra si inclinò e lo stemma cadde a terra. Per cause che non si conoscono finì nelle mani di un rigattiere di Lanciano. Un imprenditore vastese,saputo il fatto ricomprò lo stemma e si mise a disposizione del comune per ripristinarlo in posizione originaria a proprie spese. E’ passato un anno, ma dal Comune non è mai arrivata la risposta di quel lavoro che si poteva fare gratis. Dico queste cose perché si diano una mossa per ridare dignità a questa città”. redazione@vastoweb.com

Più informazioni su