vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La Polizia interviene e scopre piantagione di marijuana

Più informazioni su

VASTO. Una pattuglia della Squadra Volante del Commissariato, coordinata dal Dirigente Dr. Cesare Ciammaichella, è intervenuta in un’abitazione di campagna ubicata tra via Maddalena e la zona S. Lorenzo per una lite in famiglia e ha finito per sequestrare piante di canapa indiana.
A chiamare il 113 è stato il padre di famiglia. Il figlio è tornato a casa visibilmente ubriaco e come al solito ha iniziato ad insultare ed inveire contro gli anziani genitori. I genitori avevano sempre subito in silenzio, in passato, i comportamenti di quel figlio difficile, che spesso era dedito all’uso di alcool e stupefacenti, ma avevano sempre preferito tacere, nella speranza che tutto si ricomponesse. Ma dopo l’ennesimo episodio, il padre non ha avuto più la forza di sopportare né di tollerare, così ha pensato di chiedere aiuto alla Polizia.
Quando la Squadra Volante si è recata sul posto, ha trovato l’uomo completamente ubriaco che urlava frasi ingiuriose e senza senso nei confronti dei genitori.  Gli operatori hanno cercato in tutti i modi di  riportarlo alla calma, ma l’uomo ha continuato ad agitarsi e spesso ha guardato fuori dalla finestra.  Insospettiti da questo comportamento gli Agenti hanno deciso di controllare cosa attirasse l’attenzione dell’uomo fuori da quella finestra.
In un orticello, attiguo all’abitazione, vi era una piccola piantagione di marijuana, costituita da sei piantine alte da un metro a 60 cm circa. Agli Agenti che hanno chiesto spiegazioni in merito alle piante di canapa indiana, l’uomo ha risposto di volerne ricavare stupefacente per uso personale.
Le piante erano ben “mimetizzate” nell’orto di casa con il dichiarato scopo di occultare la produzione. Naturalmente tutte le piantine sono state sequestrate e saranno opportunamente analizzate per constatarne il principio attivo
L’uomo, identificato per M.R. di anni 43, vanta a proprio carico numerosi precedenti di polizia, per falsità in scrittura privata, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, revoca della patente di guida per mancanza dei requisiti morali, rimpatrio con foglio di via obbligatorio da parte del comune di Pescara, nonché per produzione e spaccio di sostanza stupefacente, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per coltivazione non autorizzata di sostanza stupefacente (ai sensi dell’art. 73 legge nr. 162 del 26/06/1990).  Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su