vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

In fuga armato, braccato e catturato dalle Forze dell'Ordine

Più informazioni su

VASTO. E’ durata quattro ore la fuga di G.D.L. l’uomo di Cupello che armato di pistola ha terrorizzato la città. Alle 11,30 il fuggiasco si è arreso. Prima però ha gettato la pistola fra le canne di contrada Valloncello. Sporco, provato e affaticato si è lasciato ammanettare urlando,” Non sparate, non sono armato”. La cattura dell’uomo è stata accompagnata da uno scrosciante applauso da parte della gente accorsa per scoprire il motivo dello spiegamento delle forze dell’ordine armate sulla circonvallazione.
Le notizie sulla vicenda sono ancora molto confuse. Tutto comunque sembra essere partito da un tentativo di furto fatto da G.D.L. a casa di un poliziotto. Scoperto e catturato dall’agente il ladro è riuscito a fuggire portando con sè la pistola carica di 16 proiettili. Prima di allontanarsi il fuggitivo ha sparato due colpi per terra. E’ subito scattata l’operazione per la cattura. L’uomo si è rifugiato all’interno di un canneto e li ha passato quattro ore prima di arrendersi. 
Ora è stato accompagnato in carcere a disposizione della magistratura. “Chissà se quello che è accaduto servirà a convincere il sindaco che questa città non è più l’oasi di pace che lui continua a sostenere”, hanno commentato alcuni testimoni dell’accaduto.
La vicenda ha creato numerose reazioni: questo il comunicato dell’Associazione Codici: “L’Associazione Codici e l’Osservatorio Antimafia mostrano profonda preoccupazione per quanto sta accadendo a Vasto negli ultimi anni nell’assoluto disinteresse della politica locale. L’episodio di questa mattina è l’ennesimo di una lunga serie che vede la nostra città macchiata da omicidi, scippi, rapine, furti e sparatorie da far west. La chiusura del Tribunale con la delocalizzazione della Procura provocherà un aumento incondizionato della criminalità anche perché nell’ottica dei tagli disposti dal governo è prevista la soppressione del commissariato di polizia ed il ridimensionamento della Compagnia dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. I tempi futuri saranno durissimi per la sicurezza dei cittadini vastesi. Abbiamo capito che il territorio è abbandonato dalla politica che mostra totale disinteresse e assoluta lontananza dalle problematiche che stritolano la gente provata dalla chiusura delle fabbriche e dalla criminalità dilagante.  Sollecitiamo il Sindaco Tiziana Magnacca a farsi portavoce di questa impellente domanda di sicurezza da parte del vastese chiedendo la predisposizione di rinforzi che garantiscano il controllo del territorio”. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su