vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Incendi in Abruzzo: brucia la zona dei Ripari di Giobbe

Più informazioni su

ORTONA. Ancora fiamme e ettari di terreno distrutti da incendi in Abruzzo. Dopo il devastante incendio che ha colpito la zona Fornace di Casalbordino, con più di 50 ettari distrutti dalle fiamme, spavento per i cittadini e anche malori a causa del fumo che ha ricoperto la zona per intere giornate, ieri a bruciare è stata la zona ortonese. Le fiamme sono divampate tra i Ripari di Giobbe e e si sono spinte, a causa anche del caldo afoso e del vento caldo, fino a Punta Ferruccio e Torre Mucchia prendendo 20 ettari di terreno. 
Sul posto 40 vigili del fuoco, forestale, volontari della protezione civile di Ortona e provenienti anche da fuori città, forze dell’ordine e anche l’intervento di alcuni canadair che facevano spola tra il luogo e Lido Saraceni dove prelevavano l’acqua. Vigili del fuoco impegnati anche a tenere sotto controllo l’avanzare delle fiamme che minacciavano le abitazioni circostanti. L’azione per domare l’incendio è stata coordinata dall’ingegner Sergio Basti, direttore regionale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. 
Tanto fumo nero e cenere che cadeva dal cielo che ha allarmato i turisti e cittadini presenti in spiaggia dalle 14, postazione da cui è stato subito lanciato e chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco. Diverse le telefonate giunte al centralino dei pompieri. A dare una mano anche alcuni cittadini che rimboccandosi la mani hanno portato bottiglie d’acqua per dissetare le squadre a lavoro e aiutare con secchi di acqua. Non è stato semplice domare l’incendio proprio come in occasione di quello di Casalbordino anche a causa dei diversi focolai che minacciavano con le temperature molto elevate di riaccendersi da un momento all’altro e di procurare danni anche a persone e case limitrofe. Per ora il peggio sembra scongiurato. 
I Vigili del Fuoco ricordano di prestare attenzione anche nel buttare le sigarette ancora accese per terra. A causa della folta vegetazione e del caldo che investe la penisola in questi giorni potrebbero causare incendi devastanti.
    Video del canadair in azione ieri: http://www.youtube.com/watch?v=gMoYGMf-WC0&feature=youtu.be   (Foto e video Matteo Scarano) Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com) 

Più informazioni su