vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ritrovato un ordigno che potrebbe aver innescato l'incendio

Più informazioni su

ORTONA. Duro lavoro in questa settimana per il Corpo Forestale dello Stato impegnato prima nell’incendio molto esteso e difficile da spegnere di Casalbordino a causa della posizione scomoda da raggiungere in zona Fornace  e che minacciava le case vicine, sia nel chietino dove sono andati distrutti 30 ettari di bosco e 100 ettari di superficie totale e giorni fa, infine, nello spegnere l’incendio nella zona dei Ripari di Giobbe ad Ortona. 
Proprio in questo ultimo caso l’ipotesi del dolo si fa sempre più strada. E’ stato ritrovato infatti “assemblato da qualcuno intenzionato ad innescare il rogo” in un luogo poco visibile, un ordigno rudimentale. Sarebbe stato proprio questo ordigno a far bruciare il 7 agosto 7 ettari di boschi e 13 di territorio. La scoperta è stata effettuata oggi proprio dagli uomini del Corpo forestale dello Stato. 
L’ordigno è posto ora sotto sequestro e si stanno analizzando dei campioni di terreno dove è stato ritrovato posizionato. L’incendio è stato devastante. Così come per Casalbordino anche ad Ortona passando si possono notare solo aree bruciate e il vuoto tutto intorno dove ancora, a distanza di giorni, si avverte l’odore acre e fastidioso del fumo. Quell’odore che a Casalbordino ha costretto tante persone a rivolgersi al Pronto Soccorso per problemi di respirazione. 
Il Corpo Forestale dello Stato ha voluto anche ringraziare tutti i cittadini che hanno collaborato soprattutto nei momenti successivi all’incendio ai Ripari di Giobbe, permettendo il ritrovamento dell’ordigno e di poter effettuare un buon lavoro investigativo. 
“Se così fosse deve essere preso e punito il responsabile. E’ stato fatto un danno non indifferente al nostro territorio e il fumo e le fiamme minacciavano anche di distruggere case, camping e ci sono state persone che rischiavano di sentirsi male per il fumo. Giusto che paghi chi è colpevole” affermano alcuni cittadini che hanno assistito all’incendio. Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su