vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

E la truffa diventa maxi: investigatori a lavoro

Più informazioni su

VASTO. Le vittime della truffa on line delle case-vacanza sono salite a 30. Le agenzie immobiliari sono riuscite a trovare per tutti i vacanzieri una nuova sistemazione. E’ rimasta l’amarezza per il raggiro subito e i soldi della prenotazione che sono spariti. Alcune vittime hanno denunciato l’accaduto alla polizia altri ai carabinieri. Le forze dell’ordine stanno indagando per riuscire a risalire ai titolari del conto corrente cointestato sul quale i turisti hanno versato i soldi per la caparra. Il 70% di truffati ha versato 450 euro, altri 250 euro. 
“L’indirizzo fornito dai truffatori è corretto e la casa corrisponde a quella che i turisti che hanno prenotato hanno visto sulla foto diffusa on line. Peccato però che quella casa è abitata dalla legittima proprietaria e la donna non ha nessuna intenzione di affittare neppure una stanza per le vacanze”, dice la titolare dell’agenzia immobiliare Molino che ha trovato un alloggio sostitutivo ad una ventina di vittima. 
Quello delle case-fantasma è diventato il tormentone dell’estate vastese. I turisti sperano di risparmiare affittando – magari in nero – un appartamento dai privati e si ritrovano senza casa e senza i soldi versati per la caparra. A Ferragosto il numero dei raggirati ha subito una impennata. Il copione è per tutti lo stesso. Secondo una ricerca E-bay lo scorso anno gli annunci truffa hanno mietuto vittime soprattutto nelle località turistiche più ambite dal Salento alla Sardegna. 
Quest’anno sono state prese di mira anche località meno pubblicizzate ma ugualmente belle della Campania, del Lazio e dell’Abruzzo. A Vasto la casa delle vacanze che non c’è non è stato l’unico problema di Ferragosto. “Ho affittato un’ appartamentino da sogno e mi sono ritrovata in un tugurio malsano”, protesta una turista di Bergamo. Dalle forze dell’ordine arriva l’invito a diffidare di chi chiede la caparra con accredito Postapay. Visto che poi ormai sui siti gli annunci e le offerte sono migliaia, prima di prenotare è sempre bene fare una telefonata ad una agenzia immobiliare. Se la casa non c’è il raggiro viene subito scoperto. Intanto il numero di truffati cresce ogni giorno. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su