vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Isole" di Stefano Chiantini girato a Termoli e Tremiti aprirà il Vasto Film Festival

Più informazioni su

VASTO. Questa sera nei giardini di Palazzo d’Avalos a Vasto prenderà il via l’edizione 2013 del Vasto Film Festival. Il primo ospite della serata sarà il regista Stefano Chiantini. Subito dopo sempre nei giardini d’Avalos sarà presentato il libro AMOR VACUI. Il cinema di Michelangelo Antonioni – Meta Edizioni. Parteciperanno:Elisabetta Antonioni, presidente Associazione Michelangelo Antonioni Ferrara, Vittorio Giacci, direttore artistico del Vastofilmfestival, Micalizzi, critico cinematografico, Nicola Ranieri, autore del libro.

“Isole” sarà la prima proiezione in programma all’arena delle Grazie. Il film con Asia Argento, del 2011, è stato presentato al Toronto International Film Festival ed al Festival de Cine Italiano de Madrid ed a quello di Londra. Le prime scene del film sono girate in via Federico II di Svevia, nel centro storico di Termoli. Incontriamo un immigrato clandestino alla ricerca di lavoro, chiamatosi Ivan. È un muratore e abita in un piccolo appartamento con suo padre ammalato. Proprio per cercare un lavoretto si reca un giorno nelle Isole Tremiti, però non può tornare come previsto e deve prolungare la sua permanenza. È qui che incontrerà due persone, molto differenti, che lo aiuteranno.  Don Enzo, un prete poco comune che vive su una piccola proprietà occupandosi delle sue api, e Martina, una giovane donna che, dalla morte di sua figlia, si è chiusa nel silenzio e abita nella casa di Don Enzo, il suo anziano tutore. Poco a poco Martina e Ivan diventano amici, e anche Don Enzo prende in simpatia il giovanotto.

I tre protagonisti non hanno niente in comune, tranne una cosa: vivono isolati, perché sono diversi dagli altri. Non è un caso se la storia è ambientata in un luogo isolato, infatti, delle isole. Ma proprio il fatto di essere differenti è l’origine di questo interesse mutuo che sviluppandosi diventa simpatia e amicizia. Nella definizione delle figure il regista evidenzia la differenza che spesso genera la solitudine ma può anche avvicinare la gente. In un’epoca in cui la migrazione è un fenomeno mondiale, l’analisi di Chiantini è interessante. In un’intervista, parlando del tema dell’immigrazione e della solitudine, lui dice che «Una donna che attraversa il mare con un bambino di un mese in braccio, lo fa con un gesto doloroso e prepotente, forte, vuol dire che dietro le spalle ha una tragedia.

Paola D’Adamo      paoladadamo@vastoweb.com

 

Programma 18 Agosto

 Ore 19.30 – Giardini di Palazzo d’Avalos

Incontro con Stefano Chiantini

 

Ore 20.00 – Giardini di Palazzo d’Avalos

Presentazione del libro AMOR VACUI. Il cinema di Michelangelo Antonioni – Meta Edizioni

Partecipano

Elisabetta Antonioni, presidente Associazione Michelangelo Antonioni Ferrara

Vittorio Giacci, direttore artistico del Vastofilmfestival

Paolo Micalizzi, critico cinematografico

Nicola Ranieri, autore del libro

Proiezione di Lo sguardo alto di V. Giacci e Lo sguardo di Michelangelo di M. Antonioni

 

Ore 20.30

Giardini di Palazzo d’Avalos

Film L’Avventura di Michelangelo Antonioni

 

Arena delle Grazie

Film Isole di Stefano Chiantini

Arena della Bagnante

Film per bambini Cattivissimo me di Pierre Coffin e Chris Renaud

 

Ore 22.30

Arena delle Grazie

Film Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto di Lina Wertmüller

Arena della Bagnante

Film L’armata brancaleone di Mario Monicelli

 

Più informazioni su