vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il corso intitolato a Gaspari, malumore dei commercianti

Più informazioni su

GISSI. Domenica prossima il Corso principale di Gissi, cambierà nome. Alle 10.30  sarà inaugurato un busto bronzeo che sarà posizionato all’ingresso del municipio ed il corso principale sarà intitolato all’ex ministro Remo Gaspari, scomparso il 19 luglio 2011 a 90 anni. 

Alla cerimonia prenderanno parte  il Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, il Sottosegretario Presidenza  Consiglio dei Ministri, Giovanni Legnini, il Presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio , Massimiliano Del Casale, Generale Corpo d’Armata Esercito Italiano, Alberto Mazzoleni, Presidente Comunità Montana Val Brembana ed il prof.  Achille Lucio Gaspari. 

Il riconoscimento non è però condiviso da tutti. Contrari al nuovo nome del Corso sono in particolar modo i commercianti dell’attuale corso Vittorio Emanuele II,  poiché dovranno sostenere delle spese legate alla variazione del proprio indirizzo, spese a cui si aggiungeranno quelle per modificare la carta intestata, i timbri e tutto ciò che riporta il vecchio indirizzo. Non sono spese di importo elevato circa 150 euro, ma in questo momento di grande crisi economica  i commercianti gissani avrebbero evitato ulteriori pagamenti oltre quelli già previsti.

Non è in discussione l’intitolazione a Remo Gaspari ma ciò che consegue questa variazione di nome. Il malumore nasce anche dal sistema con cui è nata questa decisione. Il provvedimento non è passato in Consiglio comunale, ma approvato in giunta.

I commercianti inoltre non sono stati informati, ma hanno saputo dell’intitolazione solo attraverso i manifesti affissi per la cerimonia in programma per domenica. I commercianti del corso non sono contrari al riconoscimento a Gaspari, ma avrebbero preferito una scelta diversa senza sostenere ulteriori spese.  Scegliendo per esempio, di  intitolare all’ex Ministro  lo stadio o la piscina comunale. Sarà difficile ora tornare indietro, mancano ormai solo pochi giorni.

Paola D’Adamo   paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su