vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Geocando con i ciottoli, dalle Grotte del Cavallone a Histonium

Più informazioni su

VASTO. Al via la seconda edizione della Settimana del Pianeta Terra promossa da VastoScienza, Centro culturale di Scienza e Arte, per conoscere più da vicino una Terra in movimento, le sue risorse e le metodologie usate per studiarla.
Dal 7 al 14 ottobre una serie di geoeventi coinvolgeranno le scuole di Vasto e dintorni.
Vastoscienza, attraverso escursioni, conferenze, esposizioni, visite museali, intende far conoscere il paesaggio abruzzese, un laboratorio a cielo aperto, un patrimonio geomorfologico di eccezionale valore, tra i più straordinari ed accessibili, ideale per le ricerche, per la didattica e per comprendere e sviluppare le teorie delle Scienze della Terra. Diffondere la cultura geologica, divulgare il patrimonio inestimabile di conoscenza delle Scienze della Terra e mostrare la loro diretta applicabilità alla vita quotidiana può concorrere a creare consapevolezza del ruolo strategico delle Scienze della Terra per un futuro sviluppo sostenibile della Società.
Nelle scuole l’ approccio rigoroso, ma divertente, permetterà di conoscere la struttura della crosta terrestre, fenomeni come nascita e crescita delle catene montuose, apertura di nuovi oceani, terremoti e fenomeni vulcanici, cambiamenti climatici.
Geocando con i ciottoli… i ragazzi comprenderanno le proprietà dei minerali e delle rocce, i loro usi, i metodi di studio. Rifletteranno sul rischio idrogeologico, sull’erosione costiera, su frane e alluvioni. Simuleranno scontri tra placche e deriva dei continenti.
Sabato 12 ottobre, alle  h. 10.30 e alle 16.30, presso il Museo Archeologico di Palazzo d’Avalos, per le scuole un interessante laboratorio sullo scavo archeologico: “ Leggere la Terra”. Domenica  13 ottobre alle h. 16.30, a PALAZZO D’AVALOS per gli adulti “Italici e Romani a Vasto”: visita del Museo Archeologico di  Palazzo d’Avalos e passeggiata nel centro storico alla scoperta delle presenze archeologiche .
L’esperienza più suggestiva sarà però quella di vivere “Un giorno da geologo” presso le Grotte del Cavallone (1475 m s.l.m.), la cavità turistica più alta d’Europa. Qui la natura fa un grande spettacolo. Il percorso di visita si snoda per circa un chilometro all’interno della montagna. Attraversando le ampie sale ricche di stalattiti e stalagmiti, si può avere un’idea del fascino, della complessità e dello sviluppo del mondo sotterraneo della Majella. L’escursione al geosito Capo di Fiume e il laboratorio presso il museo geopaleontologico di Palena, completando il percorso di una giornata intensa di studio e conoscenza. redazione@vastoweb.com

Più informazioni su