vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sequestrato un nuovo carico di eroina: un arresto

Più informazioni su

VASTO. La scorsa notte, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore di Chieti Dr. Filippo Barboso e coordinati dal Dott. Cesare Ciammaichella e dalla Dott.ssa Laura Pratesi, Dirigente del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara,  personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Vasto, unitamente alla Squadra Volante, hanno arrestato un noto pregiudicato locale. I servizi effettuati sono stati mirati soprattutto al  contrasto e alla repressione del traffico delle sostanze stupefacenti, ma non solo. I fatti si sono svolti sulla Strada Provinciale località “Piane di Marco”, zona di confine tra Vasto e la vicina S. Salvo, dove non a caso  le pattuglie si erano posizionate per effettuare posti di controllo mirati e dove il predetto pregiudicato era solito transitare. Da tempo la Squadra Anticrimine del Commissariato di Vasto l’aveva tenuto sotto controllo e seguito in tutti gli spostamenti perché, pur non svolgendo alcuna attività lavorativa, conduceva un tenore di vita piuttosto alto e utilizzava sempre autovetture supercostose, dando dimostrazione di maneggiare parecchi soldi. I pedinamenti effettuati nei giorni precedenti avevano permesso di ipotizzare che il pregiudicato potesse trasportare stupefacenti anche per le modalità della guida e per l’atteggiamento sospettoso dimostrato nel condurre il mezzo. Dopo poco tempo, infatti, l’uomo percorreva proprio quella strada a bordo della propria autovettura e veniva prontamente fermato, proprio perché conosciuto.
Alla vista della Polizia che gli aveva intimato l’alt, inizialmente aveva fatto cenno di fermarsi ma poi, repentinamente aveva ripreso la marcia velocemente ed era fuggito ad alta velocità, noncurante della segnaletica stradale. Aveva imboccato appositamente un groviglio di vicoli che lui conosceva bene con lo scopo di “seminare” le pattuglie che si erano poste all’inseguimento. Durante la folle corsa aveva raggiunto la Strada Provinciale 182 e improvvisamente aveva gettato una busta di plastica dal finestrino in un punto ben preciso, in prossimità di un cartello stradale, probabilmente per rallentare le pattuglie che lo inseguivano e perché certo di aver poterla recuperare successivamente. Gli operatori però, suo malgrado, non avevano desistito e avevano continuato l’inseguimento.  L’uomo aveva imboccato una strada di campagna e aveva urtato l’auto della Polizia per fuggire abbandonando  la propria autovettura e continuare la fuga a piedi, nell’estremo tentativo di scamparla. Con non poche difficoltà, ma con altrettanta determinazione i poliziotti sono riusciti a bloccarlo. Anche la busta di cui si era disfatto durante la corsa è stata recuperata: conteneva due panetti: uno ben sigillato con nastro adesivo del peso di 500 grammi circa e l’altro parzialmente aperto del peso di 400 grammi, due involucri di cellophane termosaldati alle loro estremità del peso di gr. 4,6 e gr.17. Le sostanze, analizzate dalla Polizia Scientifica, davano esito positivo ai reagenti usati per l’identificazione di oppio e eroina.  A questo punto gli operatori hanno continuato la perquisizione  presso l’abitazione dell’uomo, ubicata a S. Salvo. Qui sono stati trovati ben due bilancini elettronici di precisione, 2.2.00 euro in banconote da 50, probabile provento della precedente vendita di droga,  liste con una serie di numeri telefonici e relativi intestatari. Dagli accertamenti esperiti è emerso che l’uomo, oltre ad avere precedenti specifici per la detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti, era diventato da tempo il punto di riferimento di tanti altri spacciatori.  Il pregiudicato, identificato per DI NAPOLI Simone, di anni 25, di origini siciliane ma ormai da tempo residente a San Salvo, è stato arrestato  e associato presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’A.G. L’autovettura, una Lancia Delta, di proprietà dello stesso, utilizzata per trasportare lo stupefacente è stata sequestrata, la somma di denaro verrà depositata su un apposito libretto non fruttifero, la strumentazione e la droga sono state sottoposte a sequestro e depositate presso l’Ufficio Corpi di Reato del Tribunale di Vasto. Lo stupefacente sarà analizzato ulteriormente per accertarne il principio attivo che comunque sembra elevato.  
Sempre  nel corso dei servizi straordinari del territorio sono stati inoltre notificati due avvisi orali a due room stanziali, B.V. e B.A., con precedenti di polizia in materia di stupefacenti, identificate nr. 124 persone e nr. 51 veicoli, controllati nr. 6 esercizi pubblici, elevate nr. 13 contravvenzioni al codice della strada oltre ad una autovettura sequestrata. 
Intanto in merito all’operazione Car wash si registrano nuovi sviluppi. Rischiano venti anni di carcere a testa i dieci indagati arrestati lunedi su ordine della Direzione distrettuale antimafia. L’accusa contestata è di associazione malavitosa e organizzazione criminale con base tra Vasto e San Salvo dedita al traffico di grossi quantitativi di droga sulla riviera adriatica ma anche in altre regioni del centro Italia e del Nord. 
Una contestazione affatto condivisa dagli avvocati Giovanni Cerella legale di Massimiliano Cagnazzo e Mirko Di Giacomo e Marisa Berarducci, difensore di Giovanni Giuliano. “Il mio assistito non può essere considerato il componente di una consorteria criminale”, afferma la Berarducci pronta a ricorrere al tribunale del Riesame per ottenere l’alleggerimento delle accuse al suo cliente. La procura aquilana non ha ancora comunicato la data dell’interrogatorio di garanzia degli indagati.
Probabilmente gli arrestati saranno interrogati per rogatoria, ma non è da escludere che gli inquirenti vogliano ascoltare personalmente gli accusati: Alessandro Astro, Massimiliano Cagnazzo, Michele Ciccotosto, Sergio Delle Donne, Andrea Florio, Mirko Di Giacomo, Luigi Satalino, Giovanni Giuliano, C.G. e E.D.V.. 
Le indagini dai carabinieri coordinati dalla Dda hanno accertato che il gruppo era diretto da malavitosi leccesi e napoletani che si avvalevano della collaborazione di gruppi criminali albanesi.  Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)    

Più informazioni su