vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Mirco Pelliccia avvistato a Roma, ma non si trova

Più informazioni su

TORREBRUNA. Sono diverse le persone che avrebbero visto Mirco Pelliccia a Roma. La madre Antonella Scoppa ha ricevuto una segnalazione dalla stazione ferroviaria della Magliana, in via del Tempio degli Arvalli, altre dalla stazione Termini. Una persona simile a Mirco (il giovane ha gli occhiali, è stempiato, è alto 1,65 cm e pesa oltre 100 chili) si dirigeva verso la Tuscolana. 
Ovviamente ogni segnalazione va verificata attentamente ma mamma Antonella è certa di ritrovare presto il suo Mirco. La donna ha trovato molte amiche che stanno aiutandola a diffondere la foto del figlio. “Più siamo e più speranze abbiamo di trovarlo”, dice Antonella Scoppa. La donna sta diffondendo immagini e messaggi anche su facebook. “Io non so come fosse vestito mio figlio quando è partito da Tirana”, è il suo rammarico. 
La donna è convinta che la fidanzata del figlio non le racconti tutta la verità e questo la fa stare male. Mirco si era trasferito in Albania nel mese di luglio. Lavorava in un officina, faceva il meccanico. E proprio il suo lavoro avrebbe dovuto portarlo il 1 ottobre a Londra per la revisione di un veicolo. Questo almeno è quello che il giovane ha raccontato ai genitori. Le indagini dell’interpol e l’ambasciata albanese però hanno accertato che da Tirana Mirco ha preso un aereo per Roma-Fiumicino e non per Londra. 
E a Roma sarebbe stato visto un uomo la cui corporatura è simile a quella di Mirco: prima a Roma Ostiense, poi alla Magliana. “Cerchiamo ancora che lo troviamo”, scrive Antonella Scoppa su facebook. La donna aspetta risposte dalla Farnesina e spera che presto i carabinieri attraverso i tabulati telefonici delle tre schede di Mirco riescano a rintracciare le persone con cui il figlio ha parlato prima di sparire nel nulla. 
Qualora nei prossimi giorni le istituzioni non dovessero darle le risposte che aspetta con ansia, la donna ribadisce di essere decisa a chiedere aiuto a Papa Francesco. In Abruzzo gli amici e i conoscenti del ragazzo sono molto preoccupati. “Mirco era una persona semplice, legata ai genitori. Non li avrebbe lasciati mai senza notizie per così tanto tempo”, dicono. “O qualcuno impedisce a Mirco di chiamare i suoi, o sta così male da non poterlo fare, o peggio gli è accaduto qualcosa. Speriamo non sia così”, è l’auspicio dei residenti di Torrebruna. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su