vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Le delizie di Nino conquistano il Santo Padre

Più informazioni su

VASTO. Poter svolgere la propria professione con passione e per passione è un privilegio che soddisfa il proprio ego e conquista gli altri. Sebastiano Radoccia, una vita dedicata all’arte della pasticceria di complimenti ne ha ricevuti tanti. 
“Mai mi sarei aspettato di dover andare in Vaticano”, racconta. E invece Sebastiano Radoccia , conosciuto da tutti come “Nino di Pannamore“, non solo è andato in Vaticano ma ci è andato con una torta commissionata dallo staff del Santo Padre. ”Sono stato contattato da un cliente, un imprenditore di Cupello che mi ha chiesto se fossi disponibile a dare al Papa una delle mie torte in dono“, racconta Nino. ”Ovviamente ho accettato. Sono andato a Roma, presso la residenza papale e sono stato ricevuto da una delle collaboratrici di sua Santità. Le ho consegnato una torta a forma di libro. Una torta semplice con il nome Francesco e un rosario realizzato in pasta di zucchero. La torta era gusto Pannamore, farcita con crema chantilly alla mandorla e crema gianduia con scaglie di mandorle tostate e perle di cioccolato fondente. Il tutto inzuppato con una bagna al gusto panna alcool e latte. Il giorno successivo la collaboratrice del Papa mi ha chiamato per ringraziarmi e che insieme ai ringraziamenti per iscritto sarei stato invitato ad una messa privata del Santo Pontefice. E’ stata una emozione immensa per me, mia moglie e i miei tre figli“, ricorda Nino ancora incredulo. 
Sta di fatto che la sua arte pasticcera, e la sua umiltà hanno conquistato il Papa e non è escluso che a questo importante riconoscimento ne seguano altri. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su