vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Mirco Pelliccia, scomparso da 20 giorni, forse è a Roma ma sta male

Più informazioni su

TORREBRUNA. Si concentrano a Roma le ricerche di Mirco Pelliccia, 28 anni il meccanico originario di Torrebruna. Due giorni fa un uomo simile a Mirco Pelliccia è stato visto sulla metro A alla stazione “Cipro”. 
“La segnalazione precisa e puntale non è anonima”, dice la mamma di Mirco, Antonella Scoppa che da due settimane sta battendo a tappeto la capitale alla ricerca del figlio. Anche la persona che avrebbe visto Mirco, un testimone serio e affidabile, parla di un uomo in stato confusionale. Forse Mirco ha perso la memoria. Antonella Scoppa ha deciso di creare una rete di volontari per cercare tracce del figlio. 
La capitale è battuta a tappeto da centinaia di giovani, amici, parenti, conoscenti, ma anche persone animate solo dal desiderio di aiutare una madre sofferente. “La stazione Cipro va controllata ma viste le segnalazioni arrivate da Termini non può essere abbandonata questa pista. Aiutatemi. Cerco altri volontari che abbiano intenzione di darmi una mano” scrive su facebook la Scoppa. 
Il social network aiuta mamma Antonella a tenere vive le ricerche del figlio. La donna avrebbe voluto la stessa solerzia in Albania. Per questo ha chiesto aiuto anche al ministero degli Esteri e alla Farnesina. “E’ importante sapere come ha trascorso le ultime ore in Albania mio figlio”, afferma la donna. 
Mirco Pelliccia ha chiamato i genitori l’ultima volta il 1 ottobre. Quel giorno aveva raccontato alla madre e al padre di dover andare a Londra per sostituire alcune parti meccaniche alla vettura di un amico albanese. A Londra pare che non sia mai arrivato. Anzi, secondo l’ambasciata albanese Pelliccia ha preso un aereo per Roma e non per Londra. A questo punto però diventa tutto confuso. “Non so se mio figlio è partito da solo. Non so se è salito fisicamente sull’aereo e se è sceso a Fiumicino. Non capisco perchè una volta sceso a Fiumicino si siano interrotti i contatti”, dice la donna. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)   

Più informazioni su