vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Loggia Ambling: anziani vincono dopo 15 procedimenti giudiziari

Più informazioni su

VASTO. Ci sono voluti 13 anni e 15 procedimenti giudiziari oltre alla tenacia e all’innegabile capacità di un avvocato, Vittorio Emanuele Russo, che ha offerto la propria assistenza gratuitamente. Alla fine però ne è valsa la pena. L’avvocato Vittorio Emanuele Russo ha vinto la battaglia ingaggiata per conto dei coniugi Francesca D’Attilio e Giuseppe Carta per impedire la sopraelevazione autorizzata dal Comune di Vasto, di un fabbricato che appartiene alla società Puccioni. 
“Dopo 10 anni di battaglie giudiziarie siamo arrivati all’epilogo di una annosa vicenda che risale al 2003”, spiega in una nota l’avvocato Russo. I ricorrenti, proprietari di una abitazione sulla Loggia, il belvedere storico della città, venuti a conoscenza che le autorizzazioni rilasciate dall’ufficio Urbanistica del Comune di Vasto all’impresa di Punta Penna prevedevano la sopraelevazione di un immobile vicino alla loro casa, hanno impugnato le autorizzazioni. 
Per Giuseppe Carta e la moglie la sopraelevazione era illegittima perchè il fabbricato era a soli tre metri dai confini della loro proprietà (la distanza minima da rispettare in questi casi è 4 metri). I due coniugi chiesero aiuto all’avvocato Vittorio Emanuele Russo e quest’ultimo ha deciso di assisterli gratuitamente. Nel 2004 una sentenza del Tribunale di Vasto dispose la demolizione delle opere ritenute non a norma. Nel 2006 la coppia di anziani si è vista accogliere il ricorso dai giudici amministrativi di Pescara.
La battaglia giudiziaria è andata tuttavia avanti coinvolgendo diversi docenti universitari. L’avvocato Russo non si è dato per vinto. “In totale ci sono stati 15 procedimenti giudiziari e li abbiamo vinti tutti. Finalmente questa vicenda è giunta al capolinea”, dichiara soddisfatto l’avvocato Russo. La sopraelevazione è stata bocciata. I residenti della Loggia Ambling appresa la notizia hanno tirato un sospiro di sollievo. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su