vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Una sanità migliore e vicina ai cittadini, la proposta di Palomba

Più informazioni su

VASTO. “Se è vero, come dichiarato dal Presidente della regione Abruzzo-dice il consigliere regionale vastese Paolo Palomba- che le risorse dallo Stato per la sanità nella nostra regione saranno aumentate di circa 32 milioni di euro, la nostra proposta è di destinare buona parte delle maggiori disponibilità per incrementare il servizio della medicina territoriale a favore dei cittadini.

Il Vecchio Piano Sanitario Regionale, sempre valido e mai attuato se non per i tagli dei posti letto e la chiusura dei piccoli ospedali, prevedeva di pari passo la diffusione dei servizi socio assistenziali direttamente sul territorio  regionale. Il tavolo nazionale ha inoltre rilevato la inadeguatezza dei LEA e la carenza di servizi di prevenzione. Abbiamo anche fatto proposte che sono ancora in attesa del vaglio del Consiglio, che servono  a riequilibrare i livelli di screening  delle fasce giovanili come avverrebbe con la gratuità della vaccinazione contro il Papilloma Virus estesa ai ragazzi, e ci aspettiamo che a questo si dia una risposta concreta con l’approvazione della finanziaria regionale, dove oltretutto i fondi sono già esistenti con lo specifico indirizzo.

Sottolineando il nostro ruolo di opposizione costruttiva, la nostra proposta vuole che si risponda ai territori emarginati dalla sanità regionale. Chiediamo che si ripristino in maniera adeguata i presidi sul territorio come l’assistenza pediatrica disagiata in tutto il territorio regionale in particolar modo nelle zone dell’alto vastese oltre che i presidi territoriali con le postazioni delle guardie mediche.

Con investimenti adeguati si potrebbe alleviare anche la richiesta esorbitante del primo soccorso presso gli ospedali. Ormai in tutti i presidi ospedalieri il pronto soccorso è iperaffollato. Quando vedremo un servizio domiciliare decoroso? Oltretutto se si lavora in tal senso ci potranno essere ancora risparmi sui costi per i cittadini con il miglioramento del livello di benefici per i pazienti che potrebbero ricevere le cure a domicilio. Cominciamo a costruire una Regione moderna -conclude-e che sia equa con i propri abitanti e non discrimini le varie aree, è questo il momento di farlo, con gli stanziamenti a favore dei cittadini e con tagli drastici agli sprechi.”

redazione@vastoweb.com

 

Più informazioni su