vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il 2014 porta al villaggio Ater di Punta Penna la ristrutturazione

Più informazioni su

VASTO. Il malato è grave ma la situazione non è drammatica. I risultati del sopralluogo compiuto nei giorni scorsi dai periti dello studio di ingegneria Bona di Lanciano all’interno e all’esterno di tre fabbricati Ater a Punta Penna fa tirare un sospiro di sollievoagli occupanti.
Non è necessaria l’evacuazione degli immobili. Al momento le strutture più fragili saranno sorrette dalle croci di Sant’Andrea e nel più breve tempo possibile sarà eseguito un intervento di consolidamento e ristrutturazione. Impossibile sapere di più. I periti hanno detto chiaramente che non possono fornire delucidazioni se non aiutorizzati dall’Ater. 
“Quello che più conta è che non dobbiamo lasciare le nostre case”, commenta una pensionata. Lo stesso Comune di Vasto è più sereno.Trovare 40 alloggi dall’oggi al domani non sarebbe stata una cosa semplice. L’incubo e le paure per i residenti della palazzine realizzate negli anni 70 all’ombra del faro sta per finire.Quello appena trascorso è stato un mese di notti insonni per le famiglie. Alcuni di loro sono stati spesso svegliati da preoccupanti scricchiolii contestuali alla comparsa di nuove crepe. 
Dopo l’ultimo squarcio comparso qualche giorno fa su un fabbricato è stato il sindaco Luciano Lapenna a chiedere aiuto al prefetto Fulvio Rocco De Marinis. Il prefetto ha convocato subito un summit e ordinato una perizia. L’Ater ha affidato le prove di staticità allo studio di ingegneria Bona di Lanciano. I tecnici  hanno effettuato la prima di una lunga serie di indagini necessarie a redigere il caledario degli interventi tenendo conto delle urgenze. Una volta garantita la sicurezza, i lavori potranno procedere in modo più tranquillo. 
L’intervento sarà sicuramente piuttosto oneroso e i proprietari dovranno contribuire alle spese. Non è dato sapere in quale misura. In alcuni alloggi le strutture portanti si sono deformate, le porte non chiudono e dai soffitti cadono calcinacci. L’amministrazione comunale subito dopo l’Epifania prevede nuovi incontri. “Le famiglie non saranno lasciate sole”, assicura il Comune di Vasto. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)       

Più informazioni su