vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Una richiesta bizzarra in occasione dell'Epifania

Più informazioni su

CELENZA SUL TRIGNO. Se i cittadini delle nostre comunità dell’alto vastese potessero veramente scrivere una lettera  alla Befana, non credo che chiederebbero i soliti regali hi-tech,  ma sicuramente un moderno ed efficace servizio di emergenza urgenza e un nuovo modello di “guardia Medica” per i paesini dell’alto vastese, a cui  potersi rivolgere in caso di necessità.  Una richiesta bizzarra, questa, per una Befana un po’ strana, moderna, che invece di stare a cavalcioni sulla scopa magica, governa la Regione Abruzzo o dirige la ASL, e  si presenta in auto Blu nei nostri paesini a consegnare il suo regalo. 
Ma, aggiungiamo noi che da soli questi servizi non basterebbero, dovrebbero  regalare alle nostre comunità anche un nuovo servizio pediatrico, che oggi è presente poche ore a settimana e un nuovo modello di medico di famiglia. In alcuni comuni il medico è presente pochi giorni a settimana.  La chiusura della postazione della Guardia Medica, la presenza del servizio pediatrico solo poche ore alla settimana e del medico di famiglia solo alcuni giorni a settimana in alcuni comuni, la chiusura dell’ospedale di Gissi, l’assenza di un servizio di 118, rappresentano oggettivamente un’ulteriore, grave, penalizzazione per tutti i cittadini  che vivono nei paesini dell’alto vastese. 
Ora si vuole chiudere il punto di Guardia Medica di Celenza Sul Trigno che garantisce oggettivamente l’unico servizio medico, nelle ore notturne, a tutta la popolazione che risiede nella parte alta del Vastese, sparsa su un territorio montuoso con una viabilità disastrata e dove interi tratti di strada  sono delle vere mulattiere. La decisione che è stata adottata dal Governatore Chiodi, insieme al manager della ASL Zavattaro,  è una scelta sbagliata che non riduce le spese, anzi le aumenta perché  i cittadini saranno costretti a chiamare il 118. Con queste scelte  la montagna sarà sempre più penalizzata  con il rischio di far perdere anche l’ultimo servizio ancora rimasto in queste zone interne. Daniele Leone

Più informazioni su