vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Assalto armato al portavalori, fissata la data del processo ai presunti responsabili

Più informazioni su

VASTO. Assalto al blindato. Sarà probabilmente il giudice Italo Radoccia, il nuovo presidente del Tribunale di Vasto, a presiedere il prossimo 18 febbraio il collegio che dovrà giudicare con rito ordinario, Simone Di Gregorio, Cono Surace (entrambi di San Salvo) e Antonio Patruno tre dei presunti autori dell’assalto armato a un furgone portavalori della società Aquila, compiuto il 14 dicembre 2012 sulla A14 fra Vasto e San Salvo. 
Sia Di Gregorio che Surace continuano a negare le accuse e giurano di non aver preso parte alla rapina. Durante l’udienza è prevista battaglia fra accusa e difesa. I due sansalvesi saranno assistiti dagli avvocati Antonello e Giovanni Cerella. Per altri due arrestati,Matteo Morra e Vincenzo Costantino, i difensori hanno chiesto il giudizio abbreviato. La loro posizione è più critica. 
L’udienza è in programma il 10 febbraio. Le accuse contestate ai cinque sono, concorso in tentato omicidio aggravato, rapina, detenzione e porto abusivo di armi da guerra e parti di esse, ricettazione e incendio doloso. Ancora da decidere la posizione di Emilio Cirulli, 38 anni di Cerignola finito in manette venti giorni fa. 
“Lui è ritenuto uno degli esecutori materiali dell’assalto armato al blindato”, ha specificato il maggiore dei carabinieri Giancarlo Vitiello. Cirulli si trova nel carcere di Torre Sinello. Ad incastrarlo è stato il Dna isolato dai Ris di Roma su alcuni oggetti recuperati sull’autostrada dopo la rapina. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su