vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

L’Amministrazione Comunale lavora per impedire la cementificazione selvaggia

Più informazioni su

VASTO. “L’Amministrazione Comunale lavora quotidianamente per la tutela e la salvaguardia del territorio, impedendo la cementificazione selvaggia e favorendo la vivibilità e il benessere di tutti i cittadini piuttosto che gli interessi privati di questa o quella impresa di costruzioni”. È quanto hanno ricordato ieri mattina il Sindaco Luciano Lapenna e dell’Assessore all’Urbanistica Luigi Masciulli.

“Attraverso l’approvazione delle NTA abbiamo bloccato il saccheggio urbanistico di Vasto, rispetto al passato il clima è cambiato – ha spiegato il Sindaco Luciano Lapenna – abbiamo fatto battaglie giudiziarie per evitare di far naufragare l’obiettivo di riordino delle NTA e per ridare equilibrio all’assetto urbanistico cittadino. Le NTA non sono state annullate e sono vigenti a tutti gli effetti di legge e non possono più essere scalfite da nessuno. Le pratiche edilizie – continua Lapenna – sono vagliate con più attenzione e nel totale rispetto della normativa e nel 2013 sono state ben 240 le concessioni edilizie rilasciate, ciò a conferma che il settore non è assolutamente bloccato, ma se si vuole costruire bisogna farlo nel rispetto delle regole”.

 “Un lavoro impegnativo quello del V° Settore – Urbanistica del Comune di Vasto – ha sottolineato l’Assessore Luigi Masciulli – che punta nei prossimi mesi all’informatizzazione del SUE – Sportello Unico Edilizia e all’istituzione di due responsabili di servizio, rispettivamente edilizia e pianificazione, per meglio coordinare il lavoro dell’Ufficio e rendere più veloce l’istruzione e il rilascio delle pratiche edilizie.

Inoltre, il Piano di Recupero della Città Storica è salvo e non rischia di decadere – ha concluso Masciulli – in quanto le misure di salvaguardia restano in vigore per cinque anni dalla data di adozione del Piano e non tre anni. Il Piano di Recupero della Città Storica, prima di poter approdare in Consiglio comunale, deve tuttavia ricevere parere favorevole dal Genio Civile regionale sulla Microzonazione sismica, infatti, se prima il parere dell’Ente regionale era legato al singolo progetto, a partire dal 2013 il parere è vincolante sull’intero Piano. Siamo in attesa che la Regione Abruzzo esamini i circa 300 Piani di Microzonazione sismica di tutti i comuni abruzzesi, compreso quello della nostra città”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su