vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ammonta a 24 mila euro la cifra contestata al presidente Chiodi

Più informazioni su

PESCARA. Tra i documenti sotto la lente di ingrandimento della procura di Pescara si legge dall’Agi quelli riguardanti le trasferte a Roma, Torino, Taormina, Arezzo, Nizza. Nel mirino, ad esempio, un pasto al ristorante “Il vecchio porco” di Milano per un totale di 227 euro. Il conto riguarderebbe una sola persona, in realta’ i coperti risulterebbero piu’ di uno. Negli episodi figura anche un soggiorno presso l’albergo a 5 stelle “Il Principe di Piemonte” di Torino. Al vaglio degli inquirenti anche un viaggio a Washington.

In quell’occasione Chiodi avrebbe pagato con la carta di credito istituzionale la somma di 2.800 euro per il biglietto aereo in classe business per la moglie, mentre i funzionari che hanno partecipato al viaggio avrebbero pagato il biglietto in economy plus 744 euro. Il governatore avrebbe pagato invece il suo biglietto con altri canali.

Per quanto riguarda il vice presidente della Regione Alfredo Castiglione, l’attenzione e’ rivolta su alcuni pasti consumati a Roma al ristorante ” Il Bolognese”, a Capri, Anacapri, S. Benedetto. Nel mirino anche una cena a Bari a base di aragoste per un totale di 202 euro con ricevuta a carico di una persona. I partecipanti invece sarebbero stati almeno due. Al vaglio anche un soggiorno di una notte a Roma per tre persone, in una sola camera, all’hotel Piazza di Spagna per un totale di 411 euro. Per quanto riguarda il presidente del Consiglio regionale Nazario Pagano gli episodi riguardano soggiorni in alberghi a 5 stelle a Rimini e Amsterdam. Anche a Mosca il presidente avrebbe alloggiato per due notti in un albergo a 5 stelle per un totale di 702 euro.

Nel mirino anche le trasferte a Barcellona, Caracas, Toronto. In alcuni viaggi avrebbe partecipato anche la moglie di Pagano. Anche per quanto riguarda l’assessore Mauro Febbo nel mirino della procura ci sono alberghi e pasti consumati durante le trasferte istituzionali, ad esempio in Sardegna, a Verona, Roma, Cernobbio, Milano, Bruxelles, New York. (AGI) Pe2/Ett  
 

Sono state gia’ fissate due date, il 4 e il 12 febbraio, per gli interrogatori dei 25 amministratori della Regione Abruzzo finiti sotto inchiesta con le accuse, a vario titolo, di truffa ai danni dello Stato, peculato e falso ideologico.

Da fonti della Procura si apprende che i primi ad essere ascoltati saranno il presidente Gianni Chiodi e i nove assessori. Poi sara’ la volta dei 14 consiglieri. Dei 25 indagati diciannove sono di centrodestra, nove dell’opposizione. A condurre l’inchiesta sono i sostituti procuratori della Repubblica di Pescara Giampiero Di Florio e Giuseppe Bellelli. In particolare dalle indagini dei carabinieri sono emerse una serie di irregolarita’ relative a presunte fatture alterate per ottenere rimborsi spesa in occasioni di viaggi istituzionali, alcuni dei quali non sarebbero neanche avvenuti. Ma ci sono anche presunte autocertificazioni false e un uso non appropriato della carta di credito della Regione non per fini istituzionali ma personali.

Sono state gia’ fissate due date, il 4 e il 12 febbraio, per gli interrogatori dei 25 amministratori della Regione Abruzzo finiti sotto inchiesta con le accuse, a vario titolo, di truffa ai danni dello Stato, peculato e falso ideologico.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su