vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Truffa Regione Abruzzo"Tanti colpevoli, nessun colpevole”

Più informazioni su

PESCARA. Quasi tutte le formazioni politiche presenti sui banchi del consiglio regionale vedono uno o più dei propri componenti indagati per  truffa aggravata nei confronti della Regione Abruzzo, peculato e falso ideologico, a seguito dell’inchiesta avviata dai sostituti procuratori Giampiero Di Florio e Giuseppe Bellelli, che hanno emesso 25 informazioni di garanzia, nei confronti di 25 persone.

I reati contestati sono truffa aggravata nei confronti della Regione Abruzzo, peculato e falso ideologico. Le indagini, condotte dai carabinieri del Reparto operativo del Comando provinciale di Pescara,  iniziate un anno e mezzo fa,  riguardano  il periodo compreso tra il gennaio 2009 e dicembre 2012.

Parrebbe, che ad istruire rimborsi non dovuti sia un’intera classe dirigente, denotando un malcostume, talmente radicato in chi amministra e spende soldi pubblici, da non destare più stupore nei cittadini. In molte regioni, e da ieri anche in Abruzzo, esistono indagini che vedono coinvolti talmente tanti esponenti politici da lasciare i cittadini pressoché indifferenti di fronte ad una moltitudine di indagati, cosa che invece non avviene quando ad essere indagato è un solo esponente politico. Purtroppo hanno avuto ed hanno più risalto le indagini che hanno coinvolto l’ex assessore De Fanis, e forse ancor di più quelle del consigliere Franco Fiorito, il Batman del Lazio, mentre si rischia  che accada:”Tanti colpevoli, nessun colpevole”.

Non è invece più preoccupante se un’intera classe dirigente viene indagata e Dio non voglia riconosciuta colpevole visto che è possibile che in ciascuno ambiente esista una ed una sola mela marcia, piuttosto che un malcostume diffuso ed irridente alle difficoltà che sopportano quotidianamente le famiglie ed i cittadini italiani?

Oggi più che mai una “casta”, che non appagata da benefici e retribuzioni elevatissime ed anacronistiche, continua ad esistere senza dare nessun segnale di capacità di autolimitarsi.

Paola D’Adamo paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su