vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Tra i due "candidati" indagati, Grillo gode. Assist a cinque stelle

Più informazioni su

In Abruzzo si rischia di avere, per le prossime elezioni regionali, una lista lunghissima di indagati dalla magistratura a comporre gli schieramenti in campo. Perché se verranno ricandidati i 25 indagati di “Rimborsopoli” andranno ad aggiungersi al probabile candidato Presidente del centrosinistra Luciano D’Alfonso, che pure ha avuto e pare avrà problemi con la giustizia.

Secondo le voci che in questi giorni si rincorrono lo stesso Luciano D’Alfonso, ex sindaco di Pescara, potrebbe venire attirato nella trappola delle primarie, contrapposto al Senatore Legnini che forte della struttura di partito penserebbe di vincerle. Forse dimenticando che le scorse primarie, che hanno visto Renzi trionfatore, hanno registrato, una clamorosa sconfitta delle strutture di partito, cosa che potrebbe ripetersi a favore di D’Alfonso per quanto indagato.

Lo stesso D’Alfonso minaccia in ogni caso di essere decisivo per la vittoria o la sconfitta del centrosinistra, tanto più se contrapposto ad un altro indagato qual è da giovedì scorso Gianni Chiodi. Certo in questo marasma di indagini, indagati, riciclati e consiglieri già abbondantemente in età di pensione, agli abruzzesi, potrebbe venire un “Grillo” per la testa, ed allora probabilmente la pensione per tanti arriverebbe che abbiano o no l’età per percepirla.

Paola D’Adamo   paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su