vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Assalto armato sulla A14, oggi l’interrogatorio del settimo uomo

Più informazioni su

VASTO – E’ previsto per questa mattina l’interrogatorio di Francesco Losurdo, 28 anni è di Cerignola, il presunto settimo componente della banda che il 14 dicembre 2014 assaltò il furgone portavalori della società Aquila di Ortona sulla A14. I carabinieri lo hanno ammanettato mercoledi mentre rincasava e lo hanno trasferito nel carcere di Foggia. Losurdo,ritenuto  uno degli esecutori materiali della rapina, è accusato di concorso in tentato omicidio aggravato,rapina, detenzione e porto abusivo di armi da guerra e parti di essa, ricettazione, incendio doloso. 

Le indagini sono state dirette dai pm Giacarlo Ciani ed Enrica Medori. Losurdo era ormai convinto di averla fatta franca. Quando però martedi ha visto arrivare i carabinieri la sua sicurezza è evaporata. L’accusato si difende ma contro di lui ci sono i risultati di lunghe e minuziose analisi tecniche.” L’arresto è stato disposto dal momento che le indagini hanno permesso di acquisire un quadro probatorio ampiamente significativo suffragato dai riscontri dei Ris”,precisa in un comunicato la Procura.Losurdo sarà interrogato nelle prossime ore. 

Al momento oltre al ventottenne si trovano in carcere altre sei persone,quattro pugliesi e due abruzzesi: Antonio Patruno,Vincenzo Costantino, Matteo Morra, Simone Di Gregorio, Cono Surace ed Emilio Carulli. Il 3 dicembre 2013 il Tribunale di Vasto ha aperto il processo ai primi cinque arrestati.L’udienza preliminare si è conclusa con tre rinvii a giudizio con rito ordinario e due con rito abbreviato. Simone Di Gregorio, Cono Surace e Antonio Patruno saranno giudicati con rito ordinario il 18 febbraio 2014. Giudizio abbreviato il 10 febbraio per Matteo Morra e Vincenzo Costantino.Di Gregorio e Surace, i due sansalvesi, continuano a sostenere di non avere preso parte fisicamente all’assalto armato. Per la procura ebbero comunque un ruolo rilevante nella vicenda.

Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)


Più informazioni su